Questa elegante ma economica pianta colorata è da scegliere per arredare piccoli appartamenti di città

Tra le piante d’appartamento ce ne sono alcune che sono riuscite ad entrare prepotentemente nella classifica delle preferite da molti. Piante che non passano mai di moda come le ortensie e il Codiaeum variegatum, più semplicemente noto come croton.

La bellezza magica di questa pianta da interni si nasconde nelle sue coloratissime foglie di colori diversi. Infatti, i colori possono variare dal giallo, all’arancione rosato sino al rosso e al marrone.

Su una stessa pianta sarà molto difficile trovare una foglia uguale all’altra e acquistandone diverse non se ne troveranno mai due identiche.

Con il tempo gli esperti hanno selezionato diversi tipi di croton che differiscono tra loro per il tipo di striature e dimensione delle foglie.

Alcune varietà di croton, inoltre sono piante economiche che potranno anche essere acquistate al supermercato o al mercato per una quindicina di euro. Infatti questa elegante ma economica pianta colorata è da scegliere per arredare piccoli appartamenti di città.

Prima dell’acquisto si consiglia di osservare attentamente le foglie che dovranno essere numerose, lucide, sane e con colori accesi.

Una delle qualità che hanno reso il croton insostituibile nelle casa è la sua crescita lenta. Può vivere anche una ventina di anni senza mai crescere eccessivamente, questo la renderà perfetta anche per spazi ristretti.

Questa elegante ma economica pianta colorata è da scegliere per arredare piccoli appartamenti di città

Il croton è una pianta molto rustica, resistente e semplice da curare. Sarà, però, importante sistemarla in un luogo con temperatura il più possibile costante.

Soprattutto durante il periodo invernale meglio evitare le stanze eccessivamente riscaldate.

La temperatura ideale per il croton si inserisce tra i quindici e i venticinque gradi, mentre sotto i dodici gradi e sopra i trenta patirà.

La posizione in cui sistemare il croton deve essere luminosa anche con raggi solari diretti ma mai nelle ore centrali della giornata. Non sopporta gli ambienti bui e le correnti di aria.

Nel periodo che va da maggio a settembre potrà essere sistemato all’aperto in uno spazio ben illuminato.

Durante l’estate le irrigazioni dovranno essere due o tre a settimana per poi diminuire nel periodo freddo. Le concimazioni regolari tra maggio a settembre ogni dodici giorni renderanno il croton meraviglioso.

Il substrato perfetto per il croton è formato da una parte di terriccio universale, una parte di torba e una di humus.

Si consiglia di vaporizzare quotidianamente le foglie magari utilizzando acqua distillata per evitare il formarsi di macchie.

E le piante vecchie?

I croton più vecchi tenderanno a perderete foglie basali. Per questo motivo nel caso in cui li si volesse rendere esteticamente più piacevoli sarà necessario procedere con una cimatura nel periodo di ripresa vegetativa.

Per cimare si consiglia di partire dal fusto e dalle ramificazioni tagliando una ventina i centimetri sotto le ultime foglie.

Si creeranno così delle vere e proprie talee da sistemare in altri vasi. La parte rimanente della pianta madre, tuttavia, in pochi mesi crescerà e darà vita a nuovi rami laterali e nuove foglie.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te