Questa è la tecnica basilare di meditazione più adatta per i principianti

Nel mondo frenetico di oggi, fermarsi a riflettere è più importante che mai. Essere in grado di staccare la spina e immergersi nel proprio mondo interiore è essenziale. Uno strumento fondamentale è la meditazione. Non si tratta di qualcosa di semplice e scontato. Al contrario.

Questa che vedremo, però, è la tecnica basilare di meditazione più adatta per i principianti.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
XW 6.0 è lo Smartwatch migliore del 2021: il tuo mondo a portata di polso

SCOPRI IL PREZZO

“XW60”/

Meditazione e mindfulness

La meditazione consiste in un momento profondo e riflessivo. Ci si distacca dalle preoccupazioni quotidiane e si pone attenzione sulle sensazioni corporee. Si vive semplicemente il momento attuale. La mente è completamente presente a sé stessa, in tutta la sua pienezza. È questo il concetto di “mindfulness”.

Gli incredibili benefici della meditazione

Meditare è un vero e proprio toccasana per la nostra salute. Può ridurre lo stress in maniera significativa, migliorare le relazioni sociali e la consapevolezza dei propri stati mentali.

La meditazione, inoltre, ci può aiutare a riconoscere e descrivere le emozioni.

Questa è la tecnica basilare di meditazione più adatta per i principianti

Innanzitutto bisogna creare il mood e le condizioni giuste per la meditazione. Il tempo e la comodità sono tutto. Se abbiamo solo pochi minuti, saremo colti dalla fretta e non riusciremo a rilassarci. Indossare degli abiti comodi è altrettanto essenziale.

Decidere il tempo che vogliamo dedicare alla meditazione è il primo passo. Si può impostare un timer le prime volte. Si comincia con un po’ di stretching in movimento. Quindi ci si mette in una posizione naturale. Si può stare seduti a terra o su una sedia. L’importante è avere la schiena dritta. Gli occhi sono chiusi.

Concentrarsi sul respiro è ottimo per cominciare. Focalizzarsi sulle sensazioni corporee è fondamentale. In particolare si può porre attenzione all’ombelico, al diaframma o all’aria che entra ed esce dalla bocca. Un suono monotono emesso da noi stessi può aiutarci. Guardare un oggetto come una candela accesa può essere un’alternativa.

Con il tempo e la costanza, si arriverà ad integrare la meditazione nella nostra routine.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te