Questa è la frutta con proprietà antinfiammatorie ed astringenti per alleviare dolori e disturbi intestinali

A tutti piace bere un buon bicchiere di vino, soprattutto quando ha quel sapore leggermente amarognolo e astringente. Quella sensazione di ruvidità che allappa la bocca è data dalla presenza di alcune sostanze presenti nell’uva. Queste sostanze sono i tannini.

Oltre all’uva, anche altri frutti presentano queste sostanze. Questa è la frutta con proprietà antinfiammatorie ed astringenti per alleviare dolori e disturbi intestinali.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina Fit, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

I benefici dei tannini

I tannini sono sostanze prodotte delle piante come difesa dall’attacco dei predatori. Il loro ruolo è quello di rendere sgradevole il sapore della pianta stessa. Si trovano principalmente nella corteccia, ma sono presenti anche nelle radici e nei frutti.

Sono degli antiossidanti naturali, per cui limitano il formarsi dei radicali liberi, responsabili dell’invecchiamento delle cellule e soprattutto aiutano nella prevenzione delle malattie degenerative.

Grazie alle sue proprietà astringenti, i tannini risultano molto utili nei casi di disturbi intestinali. Calmano la diarrea, riducono i gas e gli spasmi e l’infiammazione che ne consegue.

Inoltre, grazie alla loro azione anticoagulante e anti emorragie, sono utili nel trattamento delle emorroidi e dei piccoli sanguinamenti gastrici ed intestinali.

In aggiunta, proteggono dal colesterolo cattivo, di conseguenza, fanno bene al cuore.

Non bisogna però esagerare con i tannini, in quanto, in grandi quantità, possono risultare tossici.

Ma la quantità contenuta in questa frutta è l’ideale per trarre tutti i benefici di questa fantastica sostanza in totale sicurezza.

Questa è la frutta con proprietà antinfiammatorie ed astringenti per alleviare dolori e disturbi intestinali

Largo spazio, quindi al consumo di questa frutta:

  • uva, tra cui le varietà Montepulciano e Nebbiolo;
  • melograno, i tannini sono presenti soprattutto nella scorza con cui fare infusi;
  • mela e mela cotogna, qui i tannini sono i responsabili dell’annerimento della mela lasciata all’aria;
  • cachi, soprattutto quelli ancora non totalmente maturi;
  • nespole.

Oltre alla frutta, ritroviamo i tannini nel tè verde e nero e nel caffè.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te