Questa città in Toscana è la meta perfetta per una giornata ad ottobre tra arte, storia e cucina particolare

Se tra la fine di settembre e gli inizi di ottobre abbiamo una giornata o un weekend liberi dobbiamo assolutamente passarli in questa città meravigliosa. Ci troviamo in Toscana, sulle rive del fiume Serchio all’interno dell’area della Garfagnana. La vicinanza con Pisa e con il mare ci permettono anche di allungare il nostro viaggio per poter godere di altre bellezze italiane.

La sua cultura antichissima dovuta alla fondazione romana e l’impronta medievale la rendono un autentico scrigno di meraviglie artistiche. Per non parlare della ricchezza enogastronomica che la contraddistingue. Questa città in Toscana è la meta perfetta per una giornata ad ottobre tra arte, storia e cucina particolare.

Stiamo parlando di Lucca.

Tra un giro in bici e un assaggio di Buccellato non ci pentiremo di averla scelta come meta

Imperdibile è un giro in bicicletta o a piedi lungo le mura medievali che cingono la città. Sono lunghe 4 km e larghe 30 metri. Costruite tra il 1513 e il 1645 sono un simbolo di Lucca. Il viale alberato le rende ancora più piacevoli e profumate.

Il Duomo di San martino situato in centro è un’altra imperdibile meta. L’architettura romanico rinascimentale con la policroma tipica di quel periodo è un tesoro inestimabile per gli appassionati d’arte. Sulla facciata c’è anche la statua di San Martino che concede al povero il suo mantello a metà.

Un altro capolavoro simbolo di Lucca è la chiesa di San Michele. Questa architettura policroma risalente al gotico romano sorge nel luogo che era precedentemente occupato dal foro romano. Sono bellissimi i quattro ordini di logge della facciata che si susseguono verso il cielo. L’uso del marmo bianco di Carrara la rende un patrimonio degno dell’UNESCO.

Molto particolare e che merita una visita è la Piazza dell’Anfiteatro. La sua forma segue infatti un’ellissi con le case che vi si affacciano. Si può entrare in questo spiazzo intimo solo attraverso 4 porte di ingresso. Da non perdere anche il Puccini Museum in onore del famosissimo compositore Giacomo Puccini che qui visse prima di spostarsi in Versilia.

Questa città in Toscana è la meta perfetta per una giornata ad ottobre tra arte, storia e cucina particolare

Lucca è interamente bella, anche nel suo centro storico. Le vie e le stradine strette dal colore rossastro per via dei mattoni, piene di antichi negozi la rendono un gioiellino unico.

Per non parlare della sua storia culinaria. I piatti tipici di Lucca sono molto particolari e diversi dal resto della Toscana. Un classico di Lucca sono le zuppe. Tra la garmugia di primizie che si fa in primavera, poi la frantoiana che si fa in autunno con l’olio EVO delle colline toscane. Famosissima è la fresca pappa col pomodoro, e la minestra invernale fatta con farro e legumi.

Se si visita Lucca non si può perdere un assaggio dei tacconi e dei tordelli un tipo di pasta ripiena di carne con vari condimenti. Poi il pane con le patate e la torta d’erbi altro piatto tipico lucchese. Quest’ultima si fa con una base di pasta frolla e all’interno si amalgamano ingredienti sia dolci che salati: bietola, uvetta passa, pinoli, frutta candita, parmigiano e formaggi vari. Infine il Buccellato, un pane diciamo “nobile”, o rotondo o dritto, con anice e uvetta. Semplice ma d’effetto.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te