Quasi tutti amano questo dolce ma in pochi sanno evitare i comuni errori che lo distruggono

Siamo grandi appassionati di dolci e amiamo cucinare? Torte, crostate, cheesecake e affini sono il nostro pane quotidiano? Molto probabilmente almeno una volta nella vita ci saremo trovati di fronte alla preparazione di un crumble. Il crumble è una tipica ricetta inglese e non è altro che una rivisitazione della pasta frolla, che si presenta sotto forma di briciole rese croccanti dalla cottura. In Italia lo chiamiamo spesso sbriciolata o “sbriciolone” e lo usiamo come base per dolci di frutta o dolci al cucchiaio. Fin qui tutto semplice. Almeno all’apparenza. In realtà creare un buon crumble richiede grande attenzione. Altrimenti rischiamo l’effetto “biscottone”. E quasi tutti amano questo dolce ma in pochi sanno evitare i comuni errori che lo distruggono. Oggi impareremo a riconoscerli e ad evitarli. Dopo aver letto questo articolo, il crumble non avrà più segreti per noi.

Quasi tutti amano questo dolce ma in pochi sanno evitare i comuni errori che lo distruggono

Il primo sbaglio che facciamo spesso col crumble è quello di non congelare la pasta prima di iniziare a cuocerla. Mettere in cottura l’impasto già caldo significa far sciogliere ancora di più il burro e rendere la pasta frolla una poltiglia. Proviamo a cuocere subito dopo aver tolto dal freezer e il nostro dolce resisterà anche al forno.

Se vogliamo ottenere un crumble croccante, dobbiamo sempre evitare di maneggiarlo per troppo tempo. Rischiamo di scaldarlo troppo o di ottenere una base solida unica. Fermiamoci non appena abbiamo ottenuto i granelli della consistenza giusta.

Attenzione a farina di mais e uova

Un buon trucchetto per avere un crumble ancora più croccante è quello di aggiungere una spolverata di farina di mais all’impasto. Ha una consistenza più grossolana delle altre farine e darà una nota di croccantezza in più al nostro dolce.

Evitiamo, invece, di aggiungere le uova. Sia l’albume che il tuorlo potrebbero avere effetti devastanti sul crumble. Nel migliore dei casi la pasta frolla si solidificherà trasformandosi in un pezzo unico. Nel peggiore i grassi delle uova renderanno l’impasto umido e diremo addio alla croccantezza. Meglio riservare le uova per ricette più sfiziose.

Un trucchetto per salvare la pasta frolla

In cucina l’arte di arrangiarsi è fondamentale per ridurre gli sprechi e risparmiare. Un insegnamento valido anche per il crumble. Se abbiamo ottenuto il temuto effetto “pezzo unico”, non buttiamo via la pasta frolla. Proviamo invece a rimetterla nel congelatore. Riusciremo a compattarla e potremo riutilizzarla.

Ci basterà usare una grattugia e spolverare l’impasto sopra la frutta o sul ripieno del dolce prima di andare in forno. Abbiamo appena salvato il nostro crumble.

Approfondimento

Questi 5 comunissimi errori potrebbero distruggere la nostra preziosa cheesecake ma possiamo facilmente rimediare

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te