Quanto guadagna al mese un ramaio?

Spesso i giovani quando pensano al lavoro da fare da grandi, s’informano prima su quanto si guadagna facendo questo o quel lavoro. Hanno perfettamente ragione perché capiscono che debbono conciliare due cose.

Ossia fare quello che più gli riesce e gli piace, con quello che il mercato paga anche di più. Ma quanto guadagna al mese un ramaio se lo sono mai chiesti? Procediamo con ordine.

SCOPRI L'OFFERTA SPECIALE
Acquista ora XW 6.0 dal sito web ufficiale

CLICCA QUI

Smartwatch

Chi è il ramaio

Anzitutto bisogna capire chi è e cosa fa il ramaio. Sul cosa fa, va detto che il ramaio è l’artigiano del rame, colui che prende una laminato grezzo e ne fa un manufatto. Il risultato finale può essere una scultura in rame, ma anche utensili o attrezzi.

Possibili esempi sono le padelle e le anfore, le tazzine e le caffettiere. Oppure, uno su tutti, il classico tiano di rame. Si tratta del celebre tegame molto utilizzato dalla tradizione napoletana per preparare il ragù.

Il ramaio è in soldoni un artigiano, un artista di bottega. Costui, al posto dei pennelli e dei colori, si ritrova cesoie, martelli e scalpelli, basamenti di metallo. Segue forme semplici e lineari, prodotte da una sequenza di martellate, con cui crea piccolissime facce. Un lavoro molto creativo, grazie al fatto che il rame è molto malleabile e si presta alla perfezione a essere trasformato.

Una maestria a rischio estinzione

Quella del rame è una passione che s’impara sin da piccoli, o almeno lo era un tempo. Oggi, generazioni di artisti-artigiani vengono spazzate via in nome di uno pseudo-progresso tutto da dimostrare. Ormai, sono gli anni dell’invasione della plastica, che prima o poi ritorna sulle nostre tavole sotto forma di microplastiche.

Malgrado le botteghe degli artigiani dovrebbero essere considerate patrimonio dell’umanità, oggi faticano a trovare giovani apprendisti.

Abbiamo fatto una ricerca al riguardo, non ci risulta che esistano scuole professionali che formino i giovani a tale professione. Eppure il lavoro non manca e si guadagna bene, oltre ad essere praticamente privi di concorrenza sul mercato. Il top delle richieste per ogni imprenditore: zero concorrenza e una florida domanda del proprio prodotto finito.

Perché, ad esempio, lo Stato o i fondi della Comunità europea non finanziano scuole di formazione di ramai e stagnini? Andrebbero protette, tutelate e finanziate le vecchie botteghe-scuola per formare i giovani e tramandare i segreti dell’artigianato artistico.

Sono in ballo risorse economiche, culturali e sociali che non possono essere spazzate via, in nome di una logica di mercato che ignora secoli di storia.

Eppure si guadagna bene

Il rame è un metallo oggi molto costoso. Ciononostante, il mercato apprezza tantissimo gli oggetti in rame, come pure quelli in alluminio e stagno, prodotti manualmente. Tradotto, la gente chiede questi manufatti ed è disposta a pagarli il giusto prezzo. Gli ordinativi ai ramai non mancano, anche nei momenti di crisi come quello attuale.

Rispondiamo, ora, alla nostra domanda iniziale, e cioè quanto guadagna al mese un ramaio?

Ebbene, il contratto metalmeccanico prevede una busta paga in media tra i 1.500 e i 1.700 euro al mese. Ecco, dunque, quanto guadagna al mese un ramaio alle dipendenze, che dopo tot anni di esperienza può mettersi in proprio e far crescere quelle entrate.

Per non parlare dell’immensa soddisfazione personale d’imparare un lavoro senza eguali. Dove non esiste concorrenza e si porta a casa la gioia più grande, quella di creare qualcosa di nuovo con le proprie mani.

Se, infine, gradite scoprire un lavoro dove si guadagna sin da subito tra i 1.500 e i 2.000 euro netti al mese, vi invitiamo di leggere quest’articolo.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.