Quanto costa intraprendere una causa?

Quando, per qualsiasi problema, siamo nella condizione di dover risolvere una lite, la prima domanda che ci facciamo è “quanto costa intraprendere una causa?”. Si potrebbe trattare di un mancato pagamento, di un rimborso o comunque di cause semplici dove occorre, preventivamente, fare un bilanciamento costi-benefici. Quindi, ci troviamo nella necessità e nell’indecisione di valutare se la spesa che affrontiamo sia proporzionata alla somma o comunque ai benefici che dovremmo conseguire. Naturalmente, i costi varieranno in base ad una serie di elementi quali la difficoltà della causa, la materia del contendere, la possibile durata ecc.

Quanto costa intraprendere una causa? L’atto di citazione

Per avviare una causa, il primo atto da effettuare è la notifica della citazione. Esso viene redatto dall’avvocato e vi si riportano le ragioni di fatto e di diritto a sostegno delle istanze che vengono rivolte al giudice. Vi sono dei giudizi, tassativamente indicati, per i quali, preliminarmente ed obbligatoriamente, va esperito il tentativo di conciliazione presso organismi a ciò preposti. Per il primo incontro, solitamente la somma da pagare è pari ad euro 40,00 ma tale cifra può cambiare in base alle caratteristiche della mediazione.

Inoltre, se non si ci limita soltanto al primo incontro ma si continui la mediazione, perché le parti sono disponibili a conciliare, si pagheranno ulteriori somme. Trattasi di tariffe fisse, rese note dagli organismi di conciliazione, che devono essere corrisposte a ciascun incontro, fino al raggiungimento dell’accordo. In assenza di siffatto vincolo o nel caso in cui la mediazione abbia esito negativo, si può procedere, direttamente, con l’atto di citazione di cui detto.

L’atto va notificato a mezzo Ufficiali Giudiziari e poi iscritto a ruolo, non oltre i 10 giorni se la causa è di competenza del Tribunale. Per entrambe le attività da espletare vi sono dei costi. Ebbene, sulla scorta di quanto brevemente premesso, vediamo, nel dettaglio, quanto costa intraprendere una causa.

I costi

Preliminarmente, occorre chiarire che la notifica della citazione deve essere fatta presso l’Ufficiale Giudiziario. Questi, può eseguirla in due modi: personalmente, ossia recandosi presso l’indirizzo del convenuto e consegnandogli a mani l’atto di citazione; oppure,  a mezzo posta raccomandata di Poste Italiane o di qualsiasi altro ufficio postale privato autorizzato dal ministero. Normalmente, la notifica viene fatta a mani, quando il destinatario risieda in un luogo vicino all’Ufficio Giudiziario oppure quando lo richieda lo stesso attore.

In tutti gli altri casi, invece, avviene a mezzo posta. I costi della notifica variano a seconda della tipologia di essa e della distanza del destinatario. Ebbene, se la notifica avviene nel modo da ultimo indicato, il costo è fisso. Esso comprende sia le spese del servizio postale che quelle spettanti all’Ufficiale Giudiziario, che si chiamano diritti. Le tariffe relative a questi ultimi, sono le seguenti: 1) notifica ordinaria a mezzo posta ad un solo destinatario: 2,58 euro per diritti; 2) notifica urgente a mezzo posta ad un solo destinatario: 3,87 euro per diritti; 3) notifica urgente a mezzo posta a due destinatari: 3,87 euro per diritti.

In totale, il costo non dovrà superare 12 euro circa per destinatario. Si consideri, però, se il convenuto non si trova a casa al momento della notifica, gli dovrà essere spedita una raccomandata informativa della giacenza dellatto. In tal caso, il costo complessivo della notifica, lieviterà, con un aggravio di ulteriori 5-6 euro circa.

Costo della notifica a mani

Se, invece, la notifica avviene a mani, non bisogna considerare la spesa della raccomandata ma solo dell’indennità di trasferta, spettante all’Ufficiale Giudiziario. In tal caso, il prezzo varierà in base alla lontananza del luogo ove l’ufficiale deve recarsi per consegnare l’atto. In genere, l’importo varia tra 8 e 20 euro. Ma si può arrivare anche a 40 euro se la destinazione è collocata in un Comune diverso, lontano o difficile da raggiungere.

Notifica a mezzo Pec

In taluni casi, la notifica può essere fatta anche a mezzo Pec, senza nessun costo. Ciò, però, soltanto allorquando il destinatario sia un professionista, una ditta individuale o una società. Tuttavia, questa modalità di notifica non è perseguibile per le procedure esecutive, per le quali si ci dovrà comunque rivolgere agli Ufficiali Giudiziari. Ciò, a prescindere da chi sia il destinatario.

Approfondimento

Sono valide le notifiche fatte presso il luogo di lavoro?

Consigliati per te