Quanto costa il rogito del notaio per comprare o vendere casa

Quanto si paga di spese notarili per l’atto di compravendita della casa? Prima di compiere questo passo, è opportuno fare i conti con le spese e capire chi deve farsene carico. Ecco perché il Comitato di ProiezionidiBorsa ha preparato per i Lettori una guida completa che interessa gli aspetti principali della questione. Vediamo, dunque, quanto costa il rogito del notaio per comprare o vendere casa.

Quali spese si devono affrontare per la compravendita

Quando si acquista un immobile, come ad esempio la prima casa, è bene sapere che l’acquirente dovrà farsi carico di ulteriori spese collaterali all’acquisto. Una di queste riguarda proprio il rogito. Si tratta di un atto pubblico che stabilisce definitivamente il passaggio di proprietà di un immobile dal venditore al compratore. È un’operazione di cui non si può proprio fare a meno se si desidera diventare proprietari a tutti gli effetti della casa. Ecco perché diventa quanto mai lecito domandarsi quanto costa il rogito del notaio per comprare o vendere casa.

Prova il Trading iBroker in TradingView con una Demo Gratuita e dati in tempo reale.
Attivabile subito.

PROVALA ORA!

Quanto costa il rogito del notaio per comprare o vendere casa?

Un primo aspetto che dobbiamo distinguere riguarda proprio la natura delle spese. Ve ne sono alcune che riguardano la registrazione, le imposte o altre spese simili per lo Stato. Poi, vi è l’onorario del professionista che svolge tale servizio. Il Lettore deve sapere che i costi del rogito non sono fissi ma variano in ragione del valore dell’immobile. In generale, possiamo dire che l’imposta di registro corrisponde al 2% del valore catastale se si tratta della prima casa. La percentuale sale al 9% se si tratta di altro immobile. Questo vale se l’acquisto è ad opera di un privato. Se è un’azienda che compra, allora dovrà pagare l’IVA. Il costo dell’IVA, in tal caso, varia tra il 9% e il 22%.

Per quanto riguarda l’onorario del notaio, anche in tal caso la parcella subisce delle variazioni se si tratta della prima casa o di altro immobile. A partire dall’anno 2012, il Ministero della Giustizia ha pubblicato in G.U. una tabella riportante le percentuali sulle parcelle dei notai. Questo è quanto prevede il Decreto n. 106 del 2 agosto 2013 presente in G.U. del 23 settembre 2012, in tale maniera, è possibile orientarsi sui possibili costi che prevede l’onorario del notaio.

Approfondimento

Come recuperare i soldi spesi per le rate del mutuo grazie al modello 730

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.