Quanto consuma un’asciugatrice e quale conviene comprare per risparmiare sulle bollette della luce

Insieme agli Esperti di Redazione valuteremo quanto consuma un’asciugatrice e quale conviene comprare per risparmiare sulle bollette della luce. Scegliere con cura il modello degli elettrodomestici da acquistare garantisce infatti importanti margini di risparmio sulle utenze domestiche. I consumi di energia elettrica su base annuale hanno un forte impatto sulle voci di spesa delle famiglie italiane. D’altro canto i vantaggi di utilizzare l’asciugatrice rispetto alla pratica di stendere all’aria aperta la biancheria sono innumerevoli e non solo in termini di tempo e fatica. Si deve anche considerare che i panni nel cestello dell’asciugatrice non entrano proprio a contatto con gli agenti inquinanti e la polvere della strada. Persino chi di solito stende la biancheria sul terrazzo non può verto evitare l’eventuale esposizioni alle polveri sottili e alle piogge acide.

Prima ancora di sapere quanto costa un’asciugatrice e quale conviene comprare per risparmiare sulle bollette della luce è fondamentale una premessa. Il primo passo da compiere in direzione del risparmio prevede infatti che il consumatore sappia quando utilizzare alcuni elettrodomestici. A tal fine potrebbe tornare utile la lettura dell’articolo “Come risparmiare sulle bollette della luce con le fasce orarie più convenienti”. I consumi di un’asciugatrice cambiano in misura sensibile a seconda della classe energetica di appartenenza. In sostanza il consumatore che risparmia sui costi per l’acquisto dovrà sborsare somme di denaro più alte per ogni ciclo di asciugatura.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Quanto consuma un’asciugatrice e quale conviene comprare pre risparmiare sulle bollette della luce

Conviene pertanto investire più soldi al momento dell’acquisto per assicurarsi un’efficienza energetica piuttosto elevata e una riduzione dei consumi di Kwh. Per abbassare l’importo delle utenze e non subire emorragie economiche ad ogni utilizzo si deve necessariamente scegliere un elettrodomestico di classe A++ o A+++.

Più bassa è la classe energetica più alti saranno i consumi medi annui con una ricaduta negativa sulle bollette. Ad esempio per un’asciugatrice di classe A++ con un carico di 9 kg il consumo è di circa 2,12 Kwh ad ogni ciclo. Per un’asciugatrice della stessa portata in termini di chili, ma di classe B i consumi salgono a 5,2 Kwh e si attestano attorno a 2,6 Kwh se di classe A. Le differenze di consumi sono talmente rilevanti da non lasciare spazio a dubbi in merito al modello da privilegiare per evitare bollette da capogiro. Se poi si ipotizza che il costo di 1 KWh oscilla tra lo 0,073 a lo 0,052 euro si può ben ipotizzare che il consumo su base annua raramente possa dirsi superiore a 50 euro.

Consigliati per te