Quanti soldi spettano di detrazione per moglie a carico?

Il lavoratore che abbia a carico la moglie o il marito può beneficiare di alcune detrazioni in sede di dichiarazione dei redditi. Quanti soldi spettano di detrazione per moglie a carico? L’ammontare dell’importo varia in base al reddito che il contribuente dichiara. Di seguito illustriamo le principali fasce di calcolo e l’importo che ciascun lavoratore con coniuge a carico potrebbe ricevere in detrazione.

Quando la moglie è fiscalmente a carico

Le agevolazioni fiscali a cui ogni cittadino può avere diritto interessano in generale l’intera famiglia. Difatti, ad essere a carico talvolta non è solo il coniuge, ma anche gli eventuali figli entro un certo limite di età e condizione economica. Queste agevolazioni di tipo fiscale seguono quanto disciplina il Testo Unico delle Imposte sui Redditi relativamente alle detrazioni per carichi di famiglia. I familiari si considerano a carico anche laddove risultino non conviventi con il contribuente o risiedano all’estero.

Il coniuge, ad esempio, può definirsi a carico solo se non risulta legalmente o effettivamente separato e deve possedere dei redditi entro limiti specifici. Inoltre, in base a quanto stabilisce l’art. 1, comma 20, della Legge n. 76/2016: ognuna delle parti dell’unione civile tra persone dello stesso sesso si considera parimenti come coniuge a carico. Ciò vale sempre a patto che siano presenti i requisiti reddituali soliti per considerarsi come familiare a carico. Nello specifico, il coniuge risulta fiscalmente a carico solo se non possiede dei redditi propri superiori all’importo di 2.840,51 euro annui.

Quanti soldi spettano di detrazione per moglie a carico?

Come abbiamo indicato, le detrazioni fiscali per il coniuge a carico risentono della situazione reddituale che il contribuente dichiara. Nello specifico, è possibile seguire uno schema di riferimento indicativo delle quote di detrazione.

Nel caso in cui il reddito complessivo non superi i 15.000 euro, allora la detrazione spettante può arrivare fino a 800 euro. In questo caso, il calcolo che si deve operare per conoscere con esattezza l’ammontare della detrazione è il seguente: 880 – (110 * reddito complessivo)/ 15.000.

Se il reddito complessivo si attesta tra i 15.000 e i 40.000 euro, allora la detrazione per coniuge a carico può raggiungere una quota che oscilla tra i 690 e 720 euro. In questo caso, si considerano le varie sottocategorie presenti nella scala di reddito.

Se il reddito complessivo è tra i 40.000 ma non superiore agli 80.000 euro, allora la detrazione può raggiungere un importo fino a 690 euro. Per questi contribuenti la detrazione si calcola sulla parte eccedente i 40.000 euro. In tal caso il calcolo da operare per conoscere con precisione l’ammontare della detrazione è il seguente: 690 * (80.000 – reddito complessivo)/ 40.000. Ecco dunque quanti soldi spettano di detrazione per moglie a carico.

Approfondimento

L’INAIL riconosce alle casalinghe assegni da 106,02 a 1.292,90 euro al mese in questi casi 

Consigliati per te