Quando stare a dieta non fa dimagrire generando effetti pericolosi e paradossali

Mangiare di meno per perdere peso anche velocemente. L’equazione non solo è semplice. Ma funziona davvero. In quanto l’abbattimento dell’apporto calorico, specie nel breve termine, porta quasi sempre ai risultati sperati.

Ma quando stare a dieta non fa dimagrire generando effetti pericolosi e paradossali? La domanda è d’obbligo. In quanto, così come viene spiegato in questo articolo, nel voler dimagrire velocemente si possono compiere davvero degli errori che sono a dir poco madornali.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Quando stare a dieta non fa dimagrire generando effetti pericolosi e paradossali?

Mangiare di meno, infatti, può avere degli effetti nocivi sul metabolismo, e quindi a livello fisico. Ma ci sono pure da valutare le ricadute negative a livello psicologico.

L’abbassamento dell’apporto calorico, infatti, al netto dei risultati positivi che sono ottenibili nel breve termine, sulla perdita di peso, innesca, infatti, alla lunga, quasi sempre un frustrante senso di privazione.

Per esempio, evitare di mangiare i dolci, da un lato, aumenta il senso di privazione. E, dall’altro, fa aumentare il cosiddetto effetto trasgressione. Con la conseguenza che, alla lunga, si mangeranno con insoddisfazione tanti cibi rispetto a quelli che, evitati proprio per non ingrassare, tenderanno a diventare irresistibili e fortemente desiderati.

Ecco perché, tra l’altro, nelle diete prescritte dai nutrizionisti, quasi sempre, almeno una volta a settimana, come gratificazione, si consiglia di mangiare cibi come il gelato e la pizza.

Bruciare più calorie o mangiare di meno?

Di conseguenza, per una dieta davvero sana ed equilibrata, anche al fine di perdere peso in maniera strutturale, anziché mangiare di meno bisognerebbe giornalmente bruciare più calorie.

E questo non solo con l’attività fisica. Ma anche modificando piccole abitudini che spesso sono frutto di pigrizia. Dal salire le scale, rispetto al prendere l’ascensore. Al recarsi al lavoro in bicicletta, se è possibile. E passando per una passeggiata che, dopo i pasti, favorisce indubbiamente il processo digestivo.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te