Quando si possono accendere i termosifoni?

Il freddo è arrivato. In alcune regioni il clima pungente sta bussando alle nostre porte. In altre invece non è arrivato proprio il freddo, ma le temperature si sono comunque abbassate. Inizia dunque la stagione delle zuppe, delle tisane calde prima di andare a dormire, dei cappotti e anche della neve. Si apre la stagione invernale, perché quella autunnale ormai sembra essere sparita. Il camino acceso, lo scii e tutte le attività ludiche che l’inverno porta con sé. Con l’arrivo però del clima freddo l’uomo si difende con il termosifone. Ma quando si possono accendere i termosifoni?

Vediamo cosa dice la legge

A rendere tutto più chiaro è la legge, che ci viene in soccorso. Una legge ha diviso il nostro Bel Paese in fasce climatiche. E ogni fascia ha la sua data d’inizio e di fine. L’Italia è stata divisa in 6 zone climatiche, dalla A alla F. Si parte da quelle storicamente più calde (A), fino ad arrivare invece a quelle più fredde (F). Un viaggio dunque da Sud a Nord per fasce climatiche.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Quando si possono accendere i termosifoni?

a) Nella zona A, quindi il Sud comprese le isole, è possibile accendere i termosifoni da 1° dicembre al 15 marzo, per sei ore al giorno.

b) Nella zona B (Agrigento, Catania, Messina, Palermo, Siracusa, Trapani, Reggio Calabria e Crotone) è possibile accenderli dal 1° dicembre al 31 marzo per otto ore.

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 5051 - 6566+

Clicca sull'età

Prestiti 2021

Ecco le Convenzioni, ma non tutti rientrano, perchè?

Verifica subito se rientri

30 - 50

51 - 65

66+

Clicca sull'età

c) Nella zona C (Imperia, Latina, Bari, Benevento, Brindisi, Cagliari, Caserta, Catanzaro, Cosenza, Lecce, Napoli, Oristano, Ragusa, Salerno, Sassari, Taranto) dal 15 novembre al 31 marzo per 10 ore.

d) Nella zona D (Genova, La Spezia, Savona, Forlì, Ancona, Ascoli Piceno, Firenze, Grosseto, Livorno, Lucca, Macerata, Massa Carrara, Pesaro, Pisa, Pistoia, Prato, Roma, Siena, Terni, Viterbo, Avellino, Caltanissetta, Chieti, Foggia, Isernia, Matera, Nuoro, Pescara, Teramo, Vibo Valentia) dal 1° novembre fino 15 aprile per 12 ore.

e) Nella zona E (Alessandria, Aosta, Asti, Bergamo, Biella, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Novara, Padova, Pavia, Sondrio, Torino, Varese, Verbania, Vercelli, Bologna, Bolzano, Ferrara, Gorizia, Modena, Parma, Piacenza, Pordenone, Ravenna, Reggio Emilia, Rimini, Rovigo, Treviso, Trieste, Udine, Venezia, Verona, Vicenza, Arezzo, Perugia, Frosinone, Rieti, Campobasso, Enna, L’Aquila, Potenza) dal 15 ottobre al 15 aprile per 14 ore.

f) Nella zona F che quindi è quella più fredda (Cuneo, Belluno e Trento) per queste province non ci sono date, essendo zone alpine molto fredde. Ovviamente se avete i termosifoni centralizzati sarà lo Stato ad accenderli e spegnerli, se invece avete i termosifoni autonomi sarete voi che dovrete rispettare queste regole.

Approfondimento

Cosa fare sui termosifoni prima di accenderli.

Consigliati per te