Quando serve una copia del libretto di circolazione dell’auto?

In quali casi si può fare a meno e quando serve una copia del libretto di circolazione dell’auto? Sicuramente serve chiederne una copia quando il libretto risulta perduto. La ragione è semplice. Per circolare sia in auto che in moto è obbligatorio avere a bordo il libretto di circolazione. Di solito è possibile ricevere il nuovo libretto a casa ed i tempi non dovrebbero superare il mese di attesa. È importante conoscere un’altra novità introdotta nel nostro ordinamento. Il Decreto Legge 98 del 2017 ha introdotto il DUC, Documento Unico di Circolazione. Riunisce i dati contenuti nel certificato di proprietà e della carta di circolazione.

Il certificato di proprietà veniva rilasciato dal PRA, Pubblico Registro Automobilistico, mentre la carta di circolazione era competenza della Motorizzazione Civile. Per non incorrere in facili equivoci è bene anche ricordare che carta di circolazione e libretto di circolazione sono esattamente la stessa cosa. Quando siamo abituati a sentir chiedere dalla Polizia il libretto quello che va consegnato è la carta di circolazione.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Aloe Vera

Quando serve una copia del libretto di circolazione dell’auto quindi? E dove procurarsi la copia adesso che esiste il DUC?

Il DUC è entrato in vigore il 1 gennaio 2020. Le automobili immatricolate prima di quella data hanno ancora i documenti tradizionali e quindi valgono le competenze in materia degli uffici tradizionali.

La denuncia alle forze dell’ordine

Dato che la carta di circolazione è un documento pubblico in caso di smarrimento o furto occorre subito fare denuncia. Ci sono 48 ore di tempo. I più telematici potranno effettuare la denuncia on line. Sul sito della Polizia e dei Carabinieri, infatti, si trova la sezione “denuncia via web”.

Per quali veicoli serve il DUC

Questo nuovo documento sarà valido per tutti i veicoli come auto, moto e persino rimorchi. I proprietari dei veicoli immatricolati precedentemente al gennaio 2020 non devono recarsi il alcun ufficio per sostituzioni urgenti. Secondo la legge la carta di circolazione ed il certificato di proprietà emessi prima dell’entrata in vigore della riforma sono validi sino alla loro naturale scadenza.

Consigliati per te