Quando rivolgersi al Giudice di Pace

In materia di giustizia le leggende metropolitane sono sempre numerose. Per non ricorrere all’autorità sbagliata è invece importante sapere quando bisogna rivolgersi al Giudice di Pace. Spesso il Giudice di Pace è semplicemente descritto come l’organo della magistratura più vicino ai semplici cittadini. In realtà è un organo della magistratura inserito nell’organico della magistratura stessa. Quindi ha delle precise competenze in certe materie. Unica differenza tra il Giudice di Pace ed i Giudici di Tribunale è che il primo non ha superato il tradizionale concorso in magistratura. La selezione avviene tramite un bando di concorso e l’incarico è a termine, non per sempre.

Proprio perché si tratta comunque di un organo giudiziario occorre che il cittadino sia assistito da un avvocato. Al Giudice di Pace ci si rivolge per impugnare le multe stradali o altre sanzioni amministrative. In generale il Giudice di Pace è competente per tutte le causa fino ad un valore massimo di euro 1.100.

Quando rivolgersi al Giudice di Pace

Solo per questi due tipi di controversie il cittadino può stare in giudizio da solo davanti al Giudice di Pace. In tutti gli altri casi l’assistenza del legale è obbligatoria.

L’elenco delle cause per cui è competente il Giudice di Pace è fornito dall’art. 7 del Codice di Procedura Civile.

Se decide di difendersi da solo il cittadino dovrà essere in grado di predisporre gli atti tenendo conto dei principi di diritto vigenti. Il rischio di sbagliare è alto se non ha nessuna esperienza in materia di procedura civile. Infatti, come già detto, il Giudice di Pace opera come un magistrato a tutti gli effetti. Quindi per rivolgere le proprie richieste a quest’organo bisognerà scrivere un ricorso, oppure un atto di citazione a seconda del tipo di procedimento che si intenda instaurare. Poi l’atto di citazione andrà notificato alla parte che si voglia chiamare in giudizio. La notifica è un atto formale, da compiersi tramite gli Ufficiali Giudiziari.

Per questo sembra più sensato suggerire di rivolgersi sempre ad un legale che possa redigere questi atti in modo corretto.

Consigliati per te