Quando piante e fiori si seccano o si ingialliscono prima dell’estate dobbiamo subito fare questa cosa

Con l’arrivo del caldo intenso è normale che le nostre piante comincino a risentirne. Nonostante questo, non c’è motivo di arrendersi, perché possiamo dargli nuova vita in modo molto semplice. Dopotutto, chi possiede piante e fiori sa quanto questi possono essere essenziali in casa, in giardino e in balcone. Riescono infatti a decorare ogni ambiente, rendendolo più fresco e colorato. Per questo, anche noi ci sentiamo meglio quando guardiamo le nostre piante e respiriamo il profumo dei fiori.

Certo, comprare sempre nuove piantine può essere una spesa anche ingente, a seconda soprattutto delle specie che scegliamo. Possiamo, però, risparmiare crescendole già da piccole, riciclando persino i rotoli di carta igienica, come fanno alcuni furbi.

In ogni caso, specie diverse in qualunque fase della loro vita a giugno possono cominciare ad appassirsi. È in questo momento che dobbiamo agire, così da evitare che si secchino del tutto e possano affrontare una nuova stagione.

Spesso, la nostra piantina comincia ad afflosciarsi e a cambiare colore a causa della disidratazione. Questo può essere dovuto a un’eccessiva esposizione al sole e al caldo. La causa, però, potrebbe essere da ricercarsi anche nel modo in cui annaffiamo le nostre piante e non solo.

Quando piante e fiori si seccano o si ingialliscono prima dell’estate dobbiamo subito fare questa cosa

Ci sono diversi aspetti che dobbiamo considerare quando cerchiamo di individuare la causa che porta la nostra pianta ad appassire. In questo periodo, è molto importante che le piante abbiano tutte le sostanze nutritive di cui hanno bisogno. Quindi, se non le abbiamo concimate nell’ultimo periodo, allora è il caso di travasarle, cambiando il terriccio e scegliendone uno ricco è adatto alla specifica specie.

In effetti, forse uno degli aspetti più importanti per salvare la vita della pianta è proprio legato al terreno. Al terriccio (e quindi alla pianta) potrebbero mancare i sali minerali oppure non contiene abbastanza sostanze acide. Questo determina il livello di pH.

Il pH non è altro che l’indice di acidità del suolo ed è un valore importante per la salute delle piante. Sarà quindi opportuno correggerlo, informandoci sulle preferenze della nostra pianta e muovendoci di conseguenza. Cerchiamo su Internet la specie della pianta in questione e scopriremo così se predilige un terreno acido o basico. In base a questo, potremmo così scegliere il concime adatto.

In conclusione, quando piante e fiori si seccano dobbiamo agire immediatamente e valutare le loro specifiche condizioni per evitare di perderli del tutto.

Lettura consigliata

Per contrastare il caldo intenso dell’estate questa comune pianta aromatica sarebbe la soluzione ideale

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te