Quando la sottovalutazione non è un buon motivo per salire in Borsa, il caso Coima Res

Il titolo Coima Res è l’esempio tipico di quando la sottovalutazione non è un buon motivo per salire in Borsa.

Come già ricordato nei precedenti report, il titolo presenta una sottovalutazione che è dell’ordine del 30% qualunque sia l’indicatore utilizzato. Ad esempio, il fair value, calcolato con il metodo del discounted cash flow, esprime una sottovalutazione superiore al 30%. Analogo risultato si ottiene andando a guardare il rapporto prezzo/utili (PE). Infine, al netto di interessi, tasse, svalutazioni e ammortamenti, i margini dell’azienda risultano particolarmente elevati.

INVESTI NEL MERCATO IMMOBILIARE CON UN RENDIMENTO DEL 13,13%
Puoi partire da soli 500 euro!

SCOPRI DI PIÙ

Se a questo si aggiunge un rendimento del dividendo superiore al 4%, si capisce come Coima Res sia un titolo potenzialmente molto interessante.

Tuttavia ci sono anche punti deboli che non vanno trascurati e che sono elencati qui di seguito

  • Secondo le previsioni di Standard & Poor’s, le prospettive di crescita sul fatturato dell’azienda nei prossimi anni sono molto basse.
  • La crescita prevista attualmente dell’Utile Netto per Azione (EPS) dell’azienda per i prossimi esercizi è un punto debole notevole.
  • La società ha una situazione finanziaria non brillante con un elevato indebitamento netto e un EBITDA relativamente basso.
  • L’indice di liquidità sia di breve che di lungo periodo sono molto inferiori a 1 indicando una situazione finanziaria non particolarmente brillante.
  • Sulla base delle quotazioni attuali, la società ha un livello di valutazione particolarmente elevato in termini di “enterprise value”.

Secondo gli analisti che coprono il titolo il consenso medio è accumulare con un prezzo obiettivo che esprime una sottovalutazione dell’8%.

Quando la sottovalutazione non è un buon motivo per salire in Borsa, il caso Coima Res visto dall’analisi grafica

Coima Res  (MIL:CRES) ha chiuso la seduta del 13 ottobre a 6,82 euro invariato rispetto alla seduta precedente.

Time frame settimanale

Al momento il titolo si trova in una sorta di limbo tra il rialzo e il ribasso. I livelli da monitorare nelle prossime settimane sono i seguenti. Al rialzo area 7,56 euro e al ribasso area 6,80 euro. Una chiusura superiore a 7,56 euro aprirebbe le porte a un rialzo almeno fino in area 9,59 euro (I obiettivo di prezzo). Una chiusura inferiore a 6,80 euro, invece, aprirebbe a un ribasso almeno fino in area 6,09 euro e a seguire verso area 4,92 euro.

Nell’indecisione del momento e in attesa della ripresa del movimento direzionale, facciamo notare che lo Swing Indicator si trova in posizione ribassista.

coima res

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te