Quando il cane perde tanto pelo attenzione perché potrebbe dipendere anche da una malattia rischiosa

cane

Avere un cane dentro casa spesso comporta una gran quantità di pelo in giro su pavimenti, abiti, divani, tappeti e coperte. Nel primo caso possiamo raccoglierli servendoci di panni elettrostatici. Su tessuti e tappezzeria possiamo usare l’aspirapolvere oppure dei guanti di gomma che per attrito faranno aderire i peli.

Per ridurre la quantità di peli persi dal cane sarà importante una cura frequente.

È necessario infatti spazzolare il pelo del cane almeno un paio di volte a settimana così da aiutare la caduta del sottopelo. Se dovessimo avere un cane che non perde pelo come una razza che non cresce mai possiamo farlo più sporadicamente.

In particolare la spazzolatura serve quando compiono la muta, ossia in primavera e in estate.

Nel caso notassimo una grande perdita di pelo a ciuffi o a chiazze e al di fuori del periodo di muta, bisognerà approfondire.

Indice dei contenuti

Quando il cane perde il pelo ecco cosa potrebbe significare

Diverse le cause che portano alla caduta del pelo del cane, che può riguardare tutto il corpo o alcune zone. Un cane ad esempio che perde il pelo e si gratta potrebbe avere una malattia dermatologica, che talvolta spiegherebbe anche perché il naso si schiarisce.

Allo stesso tempo anche parassiti, forte stress, allergia o un’alimentazione poco corretta potrebbero esserne la causa.

Dunque potrebbe dipendere dallo stato di salute del nostro cane in molti casi, per questo non si deve assolutamente sottovalutare la situazione.

Oltre ai motivi già elencati, spesso la perdita del pelo potrebbe essere spia di una malattia, si tratta della Sindrome di Cushing.

Accanto alla perdita di pelo si manifesterebbero altri sintomi. Tra questi un aumento della fame e della sete, spossatezza e affaticamento, ma soprattutto l’addome gonfio e dalla pelle assottigliata, detto a botte.

Cosa provoca la Sindrome di Cushing e cosa fare

A scatenare la Sindrome di Cushing sarebbe un’ eccessiva presenza di cortisolo, ormone coinvolto nel metabolismo.

Potrebbe dipendere dalla somministrazione di determinati medicinali, quindi essere una situazione momentanea, ma anche avere cause più preoccupanti.

Alla base vi potrebbe essere una sovrapproduzione di cortisolo da parte delle ghiandole surrenali, dunque potrebbe dipendere da un malfunzionamento di queste o dell’ipofisi. La Sindrome di Cushing dunque a sua volta potrebbe essere spia di seri problemi di salute, quindi sarebbe bene rivolgersi a un veterinario per indagare. Tanto più che tale malattia tenderebbe a progredire e a comportare altri disturbi. Infatti potrebbe aumentare la glicemia e portare al diabete, nonché provocare infezioni dermatologiche e urinarie.

Allo stesso tempo potrebbe predisporre verso altre problematiche, come ipertensione e pancreatite.

La prima cosa da fare sarà far visitare il cane per ricevere una diagnosi. Il veterinario tramite appositi esami rileverà la quantità di cortisolo nelle urine e nel sangue, inoltre potrebbe fare un’ecografia delle ghiandole.

Dopo di che predisporrà una terapia, in alcuni casi si tratterà di somministrare dei farmaci in altri servirà un intervento chirurgico. In ogni caso, trattandosi di una malattia pericolosa si raccomanda di effettuare visite mediche frequenti, così da adattare nel tempo la terapia ed evitare degenerazioni.

In conclusione non dobbiamo sottovalutare la situazione quando il cane perde parecchio pelo e sarà bene accertarsi che vada tutto bene.

Si invita a leggere attentamente le Avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»

Consigliati per te