Quando dobbiamo preoccuparci per il sangue che esce dal naso

In termine medico si chiama epistassi, ma molto comunemente la definiamo come “perdita di sangue dal naso”. Una di quelle cose che spaventano molto i nostri bambini, ma spesso non si legano a malattie preoccupanti. Vediamo, invece in questo articolo dei nostri Esperti, quando dobbiamo preoccuparci per il sangue che esce dal naso negli adulti. Ricordiamo che la fuoriuscita di sangue dal nostro corpo non è mai un sintomo da sottovalutare, richiedendo invece un parere medico immediato.

Quando chiamare il medico

Sappiamo tutti che l’epistassi avviene per la rottura dei micro-vasi sanguigni del naso. Ma, quando dobbiamo preoccuparci per il sangue che esce dal naso, chiamando il nostro medico? Ci rifacciamo, per esperienza personale, alle regole dei corsi di soccorso sostenuti, invitando a chiamare quando:

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina
  • cominciamo ad avvertire segnali di debolezza o ci sentiamo svenire;
  • l’epistassi sta durando da almeno un quarto d’ora o addirittura di più;
  • sulla nostra pelle appaiono le classiche macchie dell’emorragia tipica dei traumi, ma senza averne subiti;
  • sentiamo che il sangue, fuoriuscendo da entrambe le narici, si dirige in gola;
  • il suo colore non è chiaro, ma rosso scuro e l’emorragia non si ferma.

Questi sono tutti i casi più comuni in cui consigliamo vivamente di richiedere immediatamente un consulto medico.

Cosa fare nel caso di uscita di sangue dal naso

Poniamo caso di essere di fronte alla situazione in cui ci esca sangue dal naso, o, accada a un nostro familiare. Ecco, come dobbiamo comportarci in maniera schematica e molto semplice:

  • mettiamoci seduti con la testa dritta, così facendo ridurremo la pressione del sangue;
  • stringiamo tra pollice e indice le narici nelle loro parti molli per almeno 5 minuti;
  • nel caso in cui il sangue non si fermi, cerchiamo di fermare con una garza sterile emostatica;
  • se ce l’abbiamo in casa, utilizziamo una pomata coagulante, o andiamo ad acquistarlo in farmacia.

Ricordiamo, invece un paio di errori comuni da non fare in questi casi: riempire le narici di cotone, perché così irriteremo il naso. Non pieghiamo la testa all’indietro, col rischio di ingoiare il sangue e provocare il vomito.

Approfondimento

Se vogliamo riempirci di mosche e zanzare continuiamo a fare questi errori quotidiani

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te