Quand’è che il debito pubblico è troppo debito pubblico?

Quand’è che il debito pubblico è troppo debito pubblico? La pandemia di Covid-19 ha costretto i governi di tutto il mondo a prendere in prestito e a spendere a un ritmo quasi senza precedenti. L’aumento del debito pubblico è stato diverso da qualsiasi cosa abbiamo visto nella storia recente. In passato, gli economisti hanno messo in guardia contro gli alti livelli di indebitamento. Ma un nuovo modo di pensare suggerisce che livelli di debito molto più elevati potrebbero ora essere sostenibili.

Per raccogliere fondi, i governi emettono obbligazioni per gli investitori. La desiderabilità di queste obbligazioni per gli investitori dipende dalla solvibilità del Paese. Questo obbligazioni tendono ad essere beni molto sicuri. Una volta che un’obbligazione è stata venduta dal governo sul mercato, può essere scambiata tutte le volte che la gente lo desidera. I titoli di stato vengono acquistati da molti investitori diversi. Tra cui fondi pensione, hedge fund, banche e investitori individuali. Oltre che dalla banca centrale di un paese e dal governo locale. Anche i governi stranieri acquistano obbligazioni.

4 modi per accrescere il tuo patrimonio dopo i 50
Per chi ha un portafoglio di 350.000 €: ricevi questa guida e gli aggiornamenti periodici.

Scopri di più

I maggiori detentori stranieri del debito pubblico americano, ad esempio, sono la Cina ed il Giappone. Si dispone di un bene sicuro che tutti accetteranno, come i titoli di stato statunitensi? E’ possibile vendere tali obbligazioni in caso di crisi, ottenere dollari, e poi usarli per assicurarsi di non finire nei guai. La volontà dei governi di emettere obbligazioni e di aumentare il debito pubblico è cambiata nel tempo. Dopo i debiti alle stelle della Seconda Guerra Mondiale, molti governi sono stati diffidenti ad andare ancora più in rosso.

Quand’è che il debito pubblico è troppo debito pubblico?

Poi è arrivata la Grande Crisi Finanziaria. Nel mondo ricco, essa ha spinto il debito pubblico dal 74% a circa il 105% nel decennio successivo alla crisi finanziaria. E quello dei Paesi emergenti è praticamente raddoppiato, nello stesso lasso di tempo. Questo debito in aumento ha causato il panico politico. Con alcuni governi che hanno perseguito una rigorosa austerità per cercare di ridurre i loro deficit di bilancio nel decennio successivo. Questi problemi di austerità hanno portato a un nuovo modo di pensare. Nel 2019 l’ex capo economista del FMI, Olivier Blanchard ha tenuto un discorso che ha cambiato le carte in tavola.

Blanchard ha osservato che i tassi d’interesse sui titoli di Stato sono diminuiti. Il che ha reso conveniente per alcuni governi prendere in prestito denaro. Allo stesso tempo, l’economia era in crescita. Questo è importante. Perché finché il PIL cresce più velocemente del debito del paese e i governi tengono sotto controllo i prestiti supplementari, allora una nazione può effettivamente uscire dal debito senza costi fiscali. Neanche un anno dopo il discorso di Blanchard, a Wuhan è emerso il Coronavirus. Ed è iniziato il più grande esercizio di prestito pubblico da generazioni.

I rischi

Prendere in prestito su larga scala non è senza rischi. C’è sempre il rischio che i tassi d’interesse possano aumentare di nuovo. Se i tassi d’interesse salissero improvvisamente, allora tutti i paesi che hanno accumulato molto debito si troverebbero improvvisamente in grossi guai. Nonostante questi rischi, la pandemia ha lasciato molti paesi senza altra scelta se non quella di continuare ad indebitarsi. Tagliare ora la spesa per il deficit, mentre l’economia globale è ancora paralizzata dalla pandemia, infliggerebbe danni duraturi. Ma non è chiaro quanto e per quanto tempo i Paesi possano continuare a prendere in prestito. E il colossale debito accumulato negli ultimi sei mesi sarà una delle maggiori eredità della pandemia.

BNP Turbo Unlimited
BNP Turbo Unlimited

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.