Quali sono le linee guida anti Covid per andare in spiaggia e fare il bagno tranquilli e in sicurezza quest’estate

Nell’aria c’è voglia di cambiamento, più che altro un desiderio sproporzionato di poter riprendere un po’ di vita “normale”. Anche se questo momento tarda ad arrivare, la stagione estiva è alle porte.

Sia chi abita in zone vicino la costa sia chi vive in montagna cerca di pianificare qualche giorno di ferie, magari per andare al mare.

Molti, nell’indecisione di non sapere cosa succederà nei mesi caldi, si chiedono quali saranno le nuove regole da seguire. Si potrà giocare con la palla in spiaggia? Si potrà prendere del sole sulla battigia?

Vediamo quest’anno quali sono le linee guida anti Covid per andare in spiaggia e fare il bagno tranquilli e in sicurezza quest’estate.

Linee guida per ombrelloni e lettini

In realtà le norme da seguire nell’estate 2021 saranno molto simili a quelle della scorsa estate. Di fatto non c’è stata una vera e propria chiusura delle spiagge, quindi non esiste una data ufficiale di riapertura. Ogni Regione a seconda se zona gialla, arancione o rossa, darà poi ulteriori nuove disposizioni.

Quello che sembra chiaro è che già molti stabilimenti balneari dai primi giorni di maggio si attiveranno, per poter aprire anche entro il mese.

Rimane il distanziamento tra ombrelloni di circa 5 metri, l’igienizzazione di lettini e sdraio, la prenotazione e l’ingresso scaglionato.

I lidi dovranno rispettare tutti i protocolli del caso, se necessario accompagnare i clienti nella postazione, possedere dispositivi di protezione individuale. I punti dove poter igienizzare le mani con i dispenser sempre carichi non devono mancare.

Spiagge libere

Quali sono le linee guida anti Covid per andare in spiaggia e fare il bagno tranquilli e in sicurezza quest’estate nelle zone libere?

Non vi sono particolari restrizioni, ad oggi, si rimanda al buon senso di ogni singolo cittadino. Si raccomanda di mantenere una distanza di almeno 1 metro tra le persone e più metri tra gli ombrelloni. Saranno consentiti gli sport individuali, gli altri saranno regolati dalle istituzioni competenti.

La cosa certa è che bisognerà mantenere un comportamento di rispetto e prevenzione, per poter godere tutti della bellezza del mare.

Consigliati per te