Quali sono le conseguenze per chi maltratta gli animali?

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Il nostro ordinamento si è sempre più sensibilizzato verso una maggiore salvaguardia degli animali. Sicchè, anche il sistema penale si è adeguato alla nuova cultura animalista, qualificando come reati, taluni comportamenti lesivi dell’integrità fisica e morale degli stessi. Quindi, vediamo in questo articolo: “quali sono le conseguenze per chi maltratta gli animali?”. Sul punto, l’art. 544 bis del codice penale, punisce l’uccisione di animali. In particolare, stabilisce che chi, per crudeltà o senza necessità, cagiona la morte di un animale è punito con la reclusione da 4 mesi a 2 anni. Inoltre, il successivo articolo 544 ter, punisce il maltrattamento di animali, con la reclusione da 3 a 18 mesi o con la multa da 5.000 a 30.000 euro.

La condotta penalmente rilevante, nella specie consiste nel cagionare una lesione ad un animale ovvero sottoporlo a sevizie, a fatiche o a lavori insopportabili. Il tutto, per crudeltà o senza necessità. La stessa pena si applica a chiunque somministra agli animali sostanze stupefacenti o vietate ovvero li sottopone a trattamenti che procurano un danno alla salute. Si pensi, ad esempio, al caso degli animali che vengono dopati per migliorare le loro prestazioni atletiche. Inoltre, la pena è aumentata della metà se dai fatti di cui al primo comma deriva la morte dell’animale. Quindi, è anche prevista l’aggravante in caso di morte dell’animale.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Uccisione accidentale di animali

Sempre nell’ambito del discorso relativo a “quali sono le conseguenze per chi maltratta gli animali”, operiamo taluni chiarimenti. In particolare, a differenza che per gli esseri umani, la morte di un animale, cagionata accidentalmente, non è punita. Ad esempio, può accadere di investirne uno, mentre si è alla guida della autovettura, nel qual caso il fatto non è punito. La su indicata norma, infatti, specifica che il fatto è punito se commesso con crudeltà o senza necessità. In altri termini, con riguardo agli animali, esclusivamente l’uccisione dolosa, ossia volontaria e crudele è perseguita dalla legge. All’opposto, quella colposa ed involontaria non costituisce reato ma, semmai, può essere fonte di responsabilità civile che verrà fatta valere dall’eventuale proprietario dell’animale danneggiato.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te