Quali sono i tic nervosi più diffusi fra gli italiani? 

Possono essere vocali, ma anche comportamentali oppure di tipo motorio. Ci riferiamo ai tic nervosi che, nei casi più gravi, possono addirittura incidere negativamente sulla qualità della vita di un individuo. Ed allora, quali sono i tic nervosi più diffusi fra gli italiani? Al riguardo c’è da dire prima di tutto che i tic nervosi non hanno nazionalità, ma sono una manifestazione generalizzata ed inappropriata della natura umana. 

Quali sono i tic nervosi più diffusi fra gli italiani? Dalla coprolalia all’onicofagia 

Detto questo, ci sono dei tic nervosi di cui magari non si è a conoscenza. Per esempio, rientra tra i tic nervosi di tipo vocale la cosiddetta coprolalia. Si tratta nello specifico, di quella tendenza impulsiva, compulsiva e spesso irrefrenabile. Quella di dover sempre inserire in un discorso parole non solo inappropriate, ma pure volgari ed oscene.

Continuando, chi in maniera compulsiva tende a strapparsi i capelli ed i peli dal corpo ha a sua volta un grave tic nervoso. Quello che va sotto il nome di tricotillomania. Mentre chi soffre di onicofagia manifesta, sempre in maniera compulsiva, la tendenza a mangiarsi le unghie.

I tic motori, invece, vanno ad interessare in genere ed in prevalenza la parte superiore del corpo. Per esempio, un tic nervoso diffuso è quello di corrugare la fronte o di scrollare le spalle. Diffusi sono inoltre i tic nervosi motori che coinvolgono gli occhi, sbattendo eccessivamente le palpebre, oppure tendendo a contrarre la bocca ed il viso in una smorfia.

Come si fa a diagnosticare ed a curare un tic nervoso?

Spesso chi ha uno o più tic nervosi crede in realtà di non averli. Con la conseguenza che c’è difficoltà a diagnosticarli e pure a curarli. Non esistono peraltro dei test diagnostici per i tic nervosi, ma questi sono in ogni caso tali quando il soggetto non riesce a gestirli. Con la conseguenza che le terapie contro i tic nervosi non sempre possono essere di tipo farmacologico. Spesso le terapie prescritte dal medico specialista, infatti, sono di tipo comportamentale oppure psicomotorio.

 

Consigliati per te