Quali sono i cibi che contengono ferro e quali organi vitali proteggono 

Tra i sali minerali preziosi per l’alimentazione, ecco quali sono i cibi che contengono ferro e quali organi vitali proteggono. Perché spesso si parla di regimi alimentari sani ed equilibrati per cibi che contengono, tra l’altro, calcio e fosforo, ma si trascura il ferro che, tra l’altro, garantisce naturalmente il corretto funzionamento non solo del sistema immunitario, ma anche dell’intestino e di organi vitali come il fegato e la milza.

Ecco quali sono i cibi che contengono ferro e quali organi vitali proteggono

Nel dettaglio, i cibi che contengono ferro vanno ricercati nei legumi e nella carne, ma anche nelle spezie e nelle verdure, e in particolare nei vegetali che hanno le foglie scure. E, quindi, per un buon apporto di ferro nella dieta bisogna scegliere verdure come la rucola, i broccoli, le bietole e gli spinaci unitamente alle uova, in quanto il tuorlo è ricco di ferro.

Ma anche le carni magre rosse e quelle bianche, la frutta secca e i cereali. A questi cibi, tra quelli ricchi di ferro, bisogna aggiungere pure il pesce azzurro, i frutti di mare come le vongole, e il cacao amaro.

Gli alimenti consigliati in caso di anemia

Un buon apporto di ferro nella dieta, per esempio, tiene lontani, tra l’altro, i rischi di alterazione della funzionalità dei globuli rossi. Non a caso, tra le anemie, quella da carenza di ferro è una delle più comuni e diffuse.

E in questo caso, consultando sempre un nutrizionista, è fondamentale seguire una dieta ricca di legumi e di proteine. Quelle, nello specifico, provenienti da alimenti come la carne di cavallo e il fegato.

Oltre al rischio di anemia, inoltre, la dieta povera di ferro comporta una minore ossigenazione dei tessuti e degli organi vitali. E può portare, tra l’altro, pure ad un indebolimento delle unghie e all’esposizione dei capelli al rischio di caduta.

 

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te