Quali sono e dove si trovano i linfonodi del collo 

Vediamo, oggi, quali sono e dove si trovano i linfonodi del collo. Ebbene, l’essere umano, tra busto e testa, presenta i linfonodi del collo che, nel corso della vita, possono far registrare degli ingrossamenti. La presenza di linfonodi ingrossati, dai cervicali superficiali a quelli cervicali posteriori, passando per i linfonodi cervicali profondi, di solito non è causa di preoccupazione.

Linfonodi del collo ingrossati, ecco le possibili cause

E questo perché nella maggioranza dei casi l’ingrossamento rientra autonomamente da sé. E quindi senza alcun intervento chirurgico o farmacologico. Circa le cause di ingrossamento dei linfonodi del collo c’è da dire che questi, benché raramente, si ingrossano anche quando il soggetto ha assunto o sta assumendo dei farmaci.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Aloe Vera Slim, l'integratore naturale che ti fa perdere peso velocemente

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Dopo aver visto, dunque, quali sono e dove si trovano i linfonodi del collo, approfondiamone le cause.

Il loro ingrossamento può, infatti, essere potenzialmente dovuto a fattori che preannunciano patologie più gravi. Dall’infezione virale o batterica, all’insorgere di una malattia autoimmune. Così come, anche di rado, i linfonodi del collo, ingrossandosi, possono essere manifestazione di una forma tumorale. E si pensi, per esempio, al linfoma di Hodgkin. Questo coinvolge e aggredisce sia linfonodi sia il midollo osseo. Ma pure altri organi come la milza ed il fegato.

A chi rivolgersi quando sono ingrossati

La presenza di linfonodi del collo ingrossati suscita dolore, nel soggetto che ne soffre, al momento della palpazione. Inoltre, al tatto, si avverte pure una sensazione di calore. Con il persistere dell’ingrossamento dei linfonodi del collo occorre rivolgersi ad uno specialista per una precisa diagnosi. E, in particolare, ad un ematologo.

Il medico inviterà al paziente ad effettuare delle analisi di laboratorio. E ciò al fine di verificare, appunto, se i valori del sangue e della linfa sono corretti. Il che, dunque, consentirà, all’ematologo di formulare una diagnosi accurata è dettagliata. E sulla base dei valori rilevati, dei globuli bianchi, dei globuli rossi e anche delle piastrine e delle proteine della coagulazione.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riportate QUI»)

Consigliati per te