Quali Regioni entreranno in zona bianca?

La zona bianca starà ad indicare una zona ambita, in quanto in essa vi sarebbe un specie di ritorno alla normalità. Ivi, la libertà ritornerà a sorridere, eccezion fatta per l’obbligo di continuare a seguire le misure di base, cioè: mascherine, igiene, distanziamento sociale. In esse, le restrizioni verranno ridotte al minimo e riapriranno anche i luoghi di cultura. Una specie di isola felice, insomma. Tuttavia, si ci chiede: “quali Regioni entreranno in zona bianca?”. Nel breve termine, ai parametri richiesti per accedervi risponde solo una Regione: la Basilicata. Tuttavia, a partire da venerdì, nessuna Regione italiana diventerà bianca, perché nessuna possiede i requisiti a tal uopo richiesti. Si tratta di:

1) un indice di trasmissione del virus inferiore a 1;

2) un’ incidenza entro i 50 contagi settimanali su centomila residenti, per tre settimane consecutive.

Per chi potrebbe scattare la zona bianca

A fronte degli indici sopra indicati, l’unica Regione che può aspirare a diventare bianca è la Basilicata. Infatti, essa è la Regione che più si avvicina alle soglie su indicate, con Rt al di sotto di 1 e incidenza settimanale di 60,58 casi, tra il 18 e il 24 gennaio. Successivamente, potrebbero diventarlo: Sardegna e Toscana. La prima, anche se l’Rt è inferiore a 1 e i contagi sono in discesa, viene considerata Regione a rischio in base ad altri parametri, quali servizi ospedalieri e strutture.

La Toscana, invece, ha conosciuto un netto miglioramento nell’ultimo periodo. Essa pure presenta un Rt inferiore a 1 e un rischio basso. Tuttavia, negli ultimi giorni, si è registrato un lieve aumento dei contagi. Abbiamo, dunque, visto quali Regioni, presumibilmente, entreranno in zona bianca. Inoltre, a parte questa novità, c’è anche quella della zona rosso scuro, che è, appunto, agli antipodi della prima, andando a delimitare zone in cui il rischio è massimo. Sicchè, le due grandi novità saranno: la zona rosso scuro e quella bianca.

Consigliati per te