Quali detrazioni fiscali spettano ai pensionati?

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Vediamo di analizzare le detrazioni fiscali che spettano ai pensionati e se ve sono altre che magari sfuggono ma che potrebbero comparire nella dichiarazione reddituale. Tutti i percettori di pensione già conoscono la modalità forfettaria che parte in automatico con la presentazione dei modelli di reddito. Il contribuente ormai pensionato sa che in proporzione  all’incremento o al decremento del reddito complessivo varia anche la misura forfettaria dell’agevolazione fiscale.

Nel precedente articolo abbiamo analizzato “Quali sono i familiari a carico e fino a quando i figli vanno indicati nel 730”. Adesso invece spiegheremo quali detrazioni fiscali spettano ai pensionati e se esistono agevolazioni aggiuntive di cui magari si ignora l’esistenza.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Quali detrazioni fiscali spettano ai pensionati?

Dobbiamo consultare l’articolo 13 del DPR n. 917/1986 per capire come beneficiare delle detrazioni cui hanno diritto i percettori di reddito da pensione. Nello specifico, il comma 3 del suddetto articolo 13 disciplina la spettanza delle detrazioni in riferimento a uno o più redditi che provengono da pensioni.

Stando alle disposizioni del TUIR, l’importo della detrazione sarà pari a 1.880 euro qualora il reddito dichiarato non superi 8000 euro. Ne consegue per il pensionato il riconoscimento di una detrazione non inferiore a 713 euro. Se invece nella dichiarazione “l’ammontare del reddito complessivo è superiore a 8000 euro ma non  a 15000 euro” la detrazione sarà pari a 7000 euro.

Spetta invece una detrazione pari a 1.297 euro ai pensionati i cui redditi ammontano complessivamente ad importi superiori a 15000 euro e inferiori a 55000.

Anche per i percettori di pensioni estere esistono specifiche agevolazioni secondo quanto statuito dalla Legge n. 145/2018. In particolare, l’articolo 24-ter del DPR n. 917/1986 del TUIR prevede l’assoggettamento ad un’imposta con aliquota del 7%. I destinatari di questa tassazione sostitutiva sono i pensionati che si trasferiscono in un Comune con meno di 20mila abitanti di alcune Regioni italiane.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te