Quali adattamenti per Legge 104 permettono il bollo auto gratis

Gli automobilisti titolari di patenti speciali con impedite o ridotte capacità motorie possono ottenere l’esenzione del bollo auto. L’esenzione è riconosciuta quando si apportano modifiche ai veicoli prima dell’acquisto o in un momento successivo.

Tra i veicoli con adattamenti sono compresi anche quelli dotati di solo cambio automatico. Andiamo per gradi e verifichiamo quali adattamenti per Legge 104 permettono il bollo auto gratis.

Agevolazioni fiscali auto solo se prescritte dalla Commissione medica

Possono accedere alle agevolazioni fiscali auto le persone con impedite capacità motorie certificate dalla Commissione medica. Nella certificazione deve essere indicato il tipo di adattamento da operare al veicolo.

Gli adattamenti dell’auto devono risultare dal libretto di circolazione del veicolo. Come sopra riportato, anche il solo cambio automatico rientra negli adattamenti che danno diritto al bollo gratis, a condizione che sia prescritto dalla Commissione medica competente.

Quali adattamenti per Legge 104 permettono il bollo auto gratis

Elenco degli adempimenti che permettono di presentare domanda di esenzione del bollo auto:

a) cambio automatico;

b) frizione automatica;

c) pedana, scivolo, paranco e azionamento meccanico, braccio con sistema meccanico o idraulico o elettrico;

d) sedile girevole o scorrevole;

e) cinture di sicurezza e sistema di ancoraggio della carrozzella;

f) sportello scorrevole;

g) altri adattamenti con il collegamento funzionale tra la tipologia dell’adattamento e l’handicap dell’automobilista.

La normativa precisa che tutti gli adattamenti del veicolo devono necessariamente essere prescritti dalla Commissione medica territoriale.

Oltre al bollo auto gratis è possibile accedere a tutte le agevolazioni fiscali auto: acquisto veicolo (nuovo e usato) con detrazione fiscale del 19%; IVA agevolata al 4% invece del 22%; passaggio di proprietà gratuito.

La domanda per l’esenzione del bollo auto con la documentazione attestante il diritto deve essere inviata all’Unità Territoriali ACI. È possibile inviare la domanda tramite PEC. Unitamente alla domanda, bisogna allegare anche una copia del documento di identità in corso di validità. I documenti devono essere allegati in formato PDF nel limite di 2 MB.

 

Consigliati per te