Qual è la “birra non birra” ottima per dissetarsi

Un approfondimento per capire qual è la “birra non birra” ottima per dissetarsi. Tra i principali estimatori della dissetante “birra-non birra” va ricordato sicuramente Snoopy, il celebre cagnolino uscito dalla matita di Charles M. Schulz. Al di fuori del pianeta a strisce fumettistiche, tra i personaggi, in carne ed ossa, che si sono distinti nell’apprezzamento di questa “birra”, sembra ci siano anche due capi di stato. Vale a dire: i presidenti Benjamin Franklin e George Washington. Entrambi amanti di quella che all’epoca era nota come “small beer”, cioè birra piccola. Si trattava cioè di una bevanda a bassissima gradazione alcolica, che poteva sostituire anche l’acqua, specie quando questa era contaminata e rischiosa da bere. Vediamo quindi di capire, ad oggi, qual è la “birra non birra” ottima per dissetarsi.

Dove nasce la birra-non birra

La prima comparsa della “birra-non birra” avvenne in occasione dell’Expo di Philadelphia di fine ‘800. Tra le presentazioni al grande pubblico, insieme al ketchup di Heinz, alla macchina da scrivere di Remington, e al telefono di Bell, ci fu anche quella di Hires. Charles Hires sembra fosse un dentista astemio, autore di quella che all’epoca venne definita “root tea”, vale a dire tè di radice.

L’aroma della birra-non birra

In origine dunque questa bevanda di radice si avvaleva di un aroma naturale, ora bandito perché non sano, e sostituito dal sassofrasso. Quindi, ad oggi, questa “birra di radice” o “root beer” è una bevanda gassata generalmente analcolica. Anche se è bene precisare che ne esiste pure una variante alcolica. Quanto alla ricetta non sembra essere fissa e determinata. C’è infatti chi arrichisce la bevanda con spezie, ma anche con miele, liquirizia, anice. Ma se dunque la matrice è ben diversa dalla birra tradizionale, perché a questa soda è stato dato il nome di birra? Semplicemente perché il colore la fa assomigliare molto alle nostre birre scure.

Fai trading sui mercati più famosi del mondo ed esplora le infinite opportunità con Plus500

Inizia a fare trading »

Il 76,4% degli investitori al dettaglio perde denaro sul proprio conto quando negozia CFD con questo fornitore. Dovresti considerare se puoi permetterti di correre il rischio elevato di perdere i tuoi soldi.

Chi sono i più grandi estimatori della “root-beer”

Tra i paesi dove il consumo della “birra di radice” o “root-beer” è per tradizione molto forte, vanno ricordati ovviamente gli Stati Uniti d’America. A seguire subito dopo, anche il Regno Unito, le Filippine e la Thailandia, con variazioni nella ricetta di base. Quanto invece all’Italia, non sembra che questa soda americana sia ad oggi disponibile a scaffale. Esiste comunque, almeno, un rivenditore on line che, a prezzi modici, distribuisce la “birra di radice” ovunque.

Scopri Plus500
Scopri Plus500

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.