Può scattare il blocco del conto corrente senza preavviso 

Probabilmente sapete che se avete debiti ed il vostro creditore si stanca di aspettare può pignorare il vostro conto corrente. Ovviamente voi sareste avvertiti di ciò che sta per accadere, perché il vostro creditore è obbligato a notificarvi gli atti dell’esecuzione. Ma forse non sapete che in alcuni casi può scattare il blocco del conto corrente senza preavviso. Pessima notizia, in effetti. Per fortuna può accadere solo in casi molto circoscritti, che esaminiamo con voi.

Intanto quella che a noi sembra una sanzione assai severa per l’ordinamento vuole invece essere una tutela per il debitore. Avrebbe lo scopo di impedirgli di aggravare ulteriormente la sua posizione debitoria. Basti pensare ad un giocatore incallito, che non riesce a smettere. Il mancato preavviso è conseguenza del fatto che la legge non obbliga affatto la banca a comunicare al cliente che sta per bloccargli il conto. Tuttavia alcuni segnali ci sono e ve li ricordiamo anche se siamo certi che li conosciate benissimo.

Che aspetti? Scopri il trading coi CFD con iBroker
con una demo gratuita con dati in tempo reale e perfettamente funzionante

Provala subito!

Può scattare il blocco del conto corrente senza preavviso

a) il vostro conto rischia di essere bloccato perché da tempo il saldo è negativo. In questo caso probabilmente la banca vi avrà mandato dei preavvisi, perché l’istituto di credito per primo è interessato a che voi rientriate dello scoperto. Quindi non siete stati avvisati del blocco conto, ma avete ricevuto pressanti richieste di rientro;

b) se avete smesso di pagare le rate di un finanziamento o di un mutuo che avete chiesto. Anche in questo caso la banca non vi avviserà del blocco del conto. Però vi avrà inviato vari solleciti chiedendovi di rimettervi in pari con il pagamento delle rate del mutuo stesso;

c) emissione di assegni con il conto bloccato. La banca non vi revocherà il libretto degli assegni che rimarrà nella vostra disponibilità. Ma rischiate seriamente di emettere assegni a vuoto. Infatti se il vostro conto è bloccato la banca non pagherà più gli assegni che avete emesso. Dobbiamo però rilevare che anche in questo caso la banca sarà giunta a decidere di bloccarvi il conto a causa di una vostra forte morosità. Anche in questo caso avrete ricevuto solleciti di rientro. Se sapete di essere morosi non emettete assegni, altrimenti incorrerete anche nel protesto;

d) a volte il blocco del conto non dipende dalla vostra morosità, ma dal mancato rispetto di norme burocratiche. Per esempio è obbligatorio tenere aggiornato il questionario sul proprio profilo di rischio e sui propri dati sensibili. Quando la banca chiede di sottoscrivere il nuovo documento in luogo di quello scaduto avete 60 giorni di tempo. In mancanza rischiate il blocco del conto, che verrà regolarmente ripristinato dopo che avrete firmato.

Consigliati per te