Protagonista è la BCE. Intanto i mercati vanno in ordine sparso

Oggi protagonista è la BCE. Intanto i mercati vanno in ordine sparsoAlmeno a guardare i risultati degli scambi alla fine della mattinata. Infatti i maggiori indici europei evidenziano il segno più ma senza grande spinta emotiva. La causa di questa indecisione? Come detto è la Banca Centrale Europea. In realtà dall’Eurotower non sono attese grandi novità che riguardano le scelte di politica monetaria. E la conferma arriva proprio in questi minuti. Infatti da Bruxelles sono stati confermati i tassi di interesse ai minimi (tra 0 e 0,25%) e la volontà di continuare con gli acquisti fino alla metà del prossimo anno. Confermata anche la sua disponibilità ad ogni tipo di intervento in caso di peggioramento della situazione. Da segnalare, in parallelo, un rafforzamento dell’euro sul dollaro e, in Usa, un rimbalzo del Nasdaq che poco prima delle 15 passa in territorio positivo.

La situazione in Europa

Come detto, in Europa, la situazione è di generale debolezza. Listini in ordine sparso non devono trarre in inganno. Quella messa in atto dalla maggior parte degli operatori sembra essere una strategia tutto sommato attendista. Poco prima delle 12.30, numeri alla mano, il Cac 40 di Parigi perde circa lo 0,05%. Più marcata la situazione del Ftse 100 di Londra a -0,5%. Se la cavano, invece, il Dax di Francoforte e il Ftse Mib italiano, rispettivamente a +0,36% e +0,4%.

I rating a Piazza Affari

Guardando i rating a Piazza Affari tornano i buy di Banca Akros che, tra gli altri, consiglia di comprare (buy) Astm (target fissato a 26 euro). Altri buy anche per Cnh Industrial (8,50 euro) e Telecom Italia (MIL:TIT) (0,60 euro). Ottimismo per alcuni grandi nomi di Piazza Affari anche in casa Intesa SanPaolo. In questo caso i buy vanno, ad esempio, da Coima Res (9,50 euro) a Esprinet (8,10 euro,), passando per Fca (10,70 euro), Iren (3,40 euro), Orsero (7,30 euro) e Telecom Italia (0,54 euro). Invece Acea (target a 22 euro), Banca Generali (27,50 euro) ed Enel (8,80 euro) incassano un rating add.

La situazione a Wall Street

Protagonista è la BCE. Intanto i mercati vanno in ordine sparso. Quando in Italia si sfiorano le 12.30, negli Usa i futures degli indici a stelle e strisce vedono il Dow e l’S&P 500 perdere lo 0,2% mentre il Nasdaq orbitava intorno alla parità.

Gli eventi più importanti nel calendario macroeconomico

Agli orari prefissati si può consultare il calendario economico  per leggere l’esito dei dati macroeconomici pubblicati. Per quanto riguarda i dati macro di oggi, risalta la produzione industriale italiana. Il dato di luglio (a/a) infatti si attesta a -8% ovvero meno del temuto -9,7%. Ad ogni modo di gran lunga meglio del -13,9% registrato nella precedente rilevazione. Ultima cifra, quella dei sussidi settimanali di disoccupazione Usa: 884mila, dato immutato rispetto alla settimana scorsa.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te