Probabilmente usi il microonde nel modo sbagliato, ecco come sfruttarlo al meglio

Ormai quasi tutte le cucine possiedono un forno a microonde. Si tratta di un elettrodomestico che, quando usato correttamente, può essere utilissimo e versatile.

Purtroppo, la maggior parte di noi lo utilizza in maniera molto limitata. Scegliamo di usare il microonde, ad esempio, per riscaldare cibi e bevande, o per scongelare in fretta cibi pronti (ecco tre comodissime pietanze da avere sempre pronte nel congelatore per quando abbiamo poco tempo). Ma il microonde può fare molto di più. Probabilmente usi il microonde nel modo sbagliato, ecco come sfruttarlo al meglio.

Non è come un forno normale

I forni a microonde vennero messi in commercio per la prima volta in America nel 1947. Ma fu solo molti decenni dopo che questo apparecchio si diffuse nelle cucine di tutto il mondo. In Italia il microonde è diventato comune solo negli anni 2000. Il microonde funziona in maniera molto diversa da un forno tradizionale. Detto in maniera semplice, il microonde scalda soprattutto l’acqua contenuta nei cibi. L’acqua, infatti, riesce ad assorbire molto bene le radiazioni elettromagnetiche emesse dal microonde. Assorbendo le radiazioni, le molecole di acqua si scaldano, e anche il cibo che le contiene. È tenendo a mente questa semplice regola che dobbiamo imparare a usare il microonde. Probabilmente usi il microonde nel modo sbagliato, ecco come sfruttarlo al meglio.

I cibi più adatti al microonde e quelli da evitare

Esistono cibi molto più adatti di altri ad essere cotti al microonde. Si tratta dei cibi ricchi di acqua. Soprattutto verdure, ma anche carne e pesce freschi. Dato che il microonde scalda l’acqua contenuta nei cibi, generalmente non è adatto a prodotti quali pasta, pane o alimenti secchi. Se avete mai provato a riscaldare il pane nel microonde, vi sarete accorti che non si tratta dello strumento migliore a questo scopo.

Il microonde opera una cottura molto simile a quella al vapore. Il vantaggio della cottura al microonde è che i cibi non perdono le loro sostanze nutritive. Inoltre non perdono la loro consistenza. Provate la cottura al microonde per patate, cavolfiori, broccoli, carote, e tutti i cibi ricchi di acqua. Rimarranno saporiti e gustosi!

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te