Preparare concimi naturali dagli scarti alimentari, trucchi semplici ed economici per piante più sane

Molti di noi negli ultimi tempi hanno scoperto (o riscoperto) hobby e passioni. Tra queste c’è senza dubbio il giardinaggio. Soprattutto in questi mesi di forzata vita casalinga, curare i propri spazi verdi è importante. Allora è meglio farlo in modo consapevole ed economico.

Le piante hanno bisogno di essere nutrite, ognuna a modo suo. Proprio come per la nostra alimentazione, è meglio sfamarle con prodotti naturali, che non contengono fertilizzanti chimici.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Di seguito, vediamo qualche ricetta per preparare concimi naturali dagli scarti alimentari. Così, faremo del bene alle nostre piante, non sprecheremo cibo che altrimenti andrebbe buttato e, soprattutto, risparmieremo denaro.

Preparare concimi naturali dagli scarti alimentari, trucchi semplici ed economici per piante più sane

Cominciamo con un rimedio già abbastanza sdoganato tra chi vanta il pollice verde: quello dei fondi di caffè. Il caffè, anche dopo essere stato filtrato, mantiene molte proprietà estremamente nutrienti per piante come azalee, camelie e rose.

I fondi sono ricchi di antiossidanti che nutrono il terreno, influendo sulla crescita rigogliosa di ciò che vi piantiamo. Inoltre, pare che il caffè funga anche da repellente per parassiti e lumache.

Anche le bucce delle banane, dense di potassio, sono un toccasana per i nostri orti ed angoli verdi. Bisogna però preparale a dovere. Triturarle e spingerle a qualche centimetro di profondità è il metodo migliore. Altrimenti, possiamo lasciarle macerare in acqua per qualche giorno, fino a farne un liquido con cui annaffiare le nostre piante.

Se invece i parassiti ci perseguitano, un ottimo metodo per tenerli alla larga è tritare i gusci d’uovo e spargerli nel terriccio. I gusci sono anche ricchi di carbonato, che aiuta la crescita di alcuni frutti, tra cui il pomodoro.

Acqua di cottura, infusi e vino rosso

Un metodo valido per ogni occasione è annaffiare le piante con l’acqua di cottura delle verdure, purché siamo certi della provenienza sicura delle stesse.

Allo stesso modo funzionano gli infusi di erbe come la calendula, la camomilla e l’ortica, lasciate macerare in acqua per qualche settimana.

Infine, il concime che non ti aspetti: il vino rosso, utile alla crescita sana delle radici. È anche vero che per quest’ultimo ci sono impieghi ben più adeguati.

Abbiamo visto, dunque, come preparare concimi naturali dagli scarti alimentari: trucchi semplici ed economici per piante più sane.

Consigliati per te