Potremmo finalmente smettere di russare come trombe con questi 5 facilissimi esercizi che ci occuperanno soltanto 20 minuti al giorno

“Aprile dolce dormire” recita un famoso detto della tradizione popolare. Questo perché in primavera l’aumento delle temperature e il maggior numero di ore di luce permette di godersi ancora di più il meritato riposo. E sappiamo bene quanto dormire sia fondamentale per la salute e per rallentare il declino cognitivo. Purtroppo, però, ci sono alcuni fattori che possono disturbare il nostro sonno. Uno di questi è sicuramente il russare, un’abitudine fastidiosa sia per noi che per chi ci sta intorno. Ma niente paura. Potremmo finalmente smettere di russare come trombe grazie a una semplicissima routine quotidiana fatta di 20 minuti e 5 esercizi. Vediamo di cosa si tratta e rimandiamo al consulto del medico se il problema fosse di carattere respiratorio o cronico.

L’esercizio della gomma da masticare

Un esercizio semplice da ripetere un minuto la mattina e uno la sera prima di coricarsi è quello di simulare la masticazione di un chewing gum. Chiudiamo la bocca, teniamo le labbra vicine e proviamo a masticare. Quando abbiamo preso dimestichezza con l’esercizio, proviamo a pronunciare la lettera “m” a bocca chiusa. Ci servirà per rilassare la muscolatura posteriore della gola.

Proviamo con le vocali per smettere di russare

Per rafforzare i muscoli della bocca e della gola, possiamo provare anche un esercizio di dizione. Proviamo a pronunciare le 5 vocali esagerando il gesto prima di andare a letto. Ripetiamo per 2-3 minuti e probabilmente riusciremo a russare di meno.

Canta che ti passa

Il terzo esercizio ci permetterà di unire l’utile al dilettevole. Abbiamo una canzone preferita o un motivetto che non ci esce dalla testa? Dovremmo iniziare a cantarlo quando ci mettiamo il pigiama. Cantare non soltanto ci rilasserà, ma avrà anche la funzione di rinforzare il palato molle e tutta quella zona di muscoli che causa il russamento.

Potremmo finalmente smettere di russare come trombe con questi 5 facilissimi esercizi che ci occuperanno soltanto 20 minuti al giorno

Gli ultimi due esercizi della nostra routine quotidiana andranno a interessare la lingua e l’ipofaringe.

Tiriamo fuori la lingua il più possibile e cerchiamo di respirare in maniera profonda per 10-15 volte. Il tutto con la schiena e il collo rilassati.

Per l’ipofaringe, invece, cerchiamo di deglutire con forza e chiudendo la bocca per una decina di volte. Per evitare di farci male lasciamo 10-20 secondi di rilassamento fra una ripetizione e l’altra.

Se il problema dovesse continuare a persistere e a questo si aggiungessero delle apnee notturne, dovremmo approfondire con l’aiuto del medico.

Lettura consigliata

Se soffriamo di insonnia non potremo mai più rinunciare a questi piccoli gadget che ci regaleranno sonni sereni e tranquilli

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo e non si sostituiscono in alcun modo al consulto medico e/o al parere di uno specialista. Non costituiscono, inoltre, elemento per la formulazione di una diagnosi o per la prescrizione di un trattamento. Per questo motivo si raccomanda, in ogni caso, di chiedere sempre il parere di un medico o di uno specialista e di leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te