Un portafoglio ed una asset allocation a prova di crisi

Un portafoglio ed una asset allocation a prova di crisi dei mercati

Tralasciamo per una volta la componente obbligazionaria di cui ci siamo occupati più volte e nella quale ribadiamo come ottimale una spalmatura dei nostri BTP sulle varie scadenze.

Le borse stanno reagendo molto male alla sequenza di dati macroeconomici negativi che ha colto soprattutto l’Europa non risparmiando nemmeno la Germania.

Questo ci suggerisce in primis che anche in un portafoglio azionario a rischio elevato la componente Europa dovrà essere limitata al massimo al 10%.

Mentre la liquidità sale al 40%.

Cosa escludere dal portafoglio azionario: un portafoglio ed una asset allocation

Certamente da escludere il Giappone  che anche ammesso qualcosa recuperi in borsa rischierà sul cambio con lo yen e viceversa.

Abbiamo detto di sotto-pesare l’Europa dalla quale senz’altro andrà esclusa la componente di titoli francesi.
Proprio per questo indicheremo dei fondi settoriali che annacquano la debolezza della Francia.

Cosa inserire nel portafoglio azionario di protezione dalla crisi

In Europa come settori restringerei l’orientamento tra utilities e luxury.

La parte del leone la farà il 40% su titoli del DOW Jones o S&P500 o ancora meglio un ETF o un fondo sugli  stessi indiciUSA anche senza copertura del cambio.

L’UBS Equity SICAV US Opportunity mixata con il Natixis International FUND Harris Associates U.S. Equity Fund sembra un’ ottima soluzione.

Soluzione da completare con I due ETF complementari tra loro:

Fidelity US High Dividend Index  ed Horizons Active US dividend ETF E.

Nella fasi critiche si sa che l’attenzione ai dividendi risulta contrappeso prezioso per contenere volatilità e nello stesso tempo ottimizzare le scelte.

Mentre come emerging restringeremmo il campo ad un 10% da frazionare tra il mitico Templeton Asian Growth Fund ed il Gam Star FUND  Asian Equity Class Eur accumulation.

Il rilevante 40% di liquidità andrà tenuto di scorta per intervenire su eventuali draw down che suggeriscano nel tempo l’aumento dell’esposizione.

Portafoglio Bilanciato: un portafoglio ed una asset allocation

Nel portafoglio bilanciato escludiamo un 30% di liquidità che comunque non entrerebbe sull’equity e la posizioniamo su una serie di BTP scaglionati a piacere tra i 18 mesi e i 30 anni.

Ovviamente in funzione delle potenziali esigenze di liquidità di ciascuno.

Manteniamo un 40% di liquidità per successivi interventi in acquisto.

Mentre il rimanente replichiamo anche nel bilanciato il portafoglio dell’equity:

Vale a dire:

– 5% Europa ex Francia o comunque settoriali lusso e utilities

– 20% da dividersi sui fondi ed ETF sugli indici USA

– 5% sui due fondi asiatici.

Buona costruzione a tutti.

 

Un portafoglio ed una asset allocation a prova di crisi ultima modifica: 2019-02-10T10:39:24+02:00 da Gianluca Braguzzi
Investing Roma
Investing Roma

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.