Pochi sanno che questo comportamento molto banale alla guida può costare all’automobilista fino a 173 euro di multa

Come è noto, il Codice della Strada pone a carico degli automobilisti il dovere di rispettare una serie di regole comportamentali. La prima e più importante è un dovere generale di prudenza nel compiere qualsiasi operazioni nell’utilizzo dei veicoli. Poi, prevede tutta una serie di regole e divieti comportamentali che i conducenti devono rispettare quando sono alla guida.

Tra questi doveri comportamentali uno poco conosciuto, ma particolarmente importante, è quello imposto dall’articolo 185 del Codice. Il comma 4 prevede che durante la sosta e la fermata il conducente deve adottare le opportune cautele atte ad evitare incidenti. Deve anche adottare le cautele necessarie ad impedire l’uso del veicolo senza il suo consenso.

Le regole di comportamento alla guida

Ed allora, pochi sanno che questo comportamento molto banale secondo la giurisprudenza comporta una multa fino a 173 euro. Infatti, i giudici hanno spesso ritenuto che anche semplicemente lasciare il finestrino della macchina parcheggiata aperto possa portare a questa sanzione amministrativa legittima. Infatti, lasciare il finestrino aperto, ad esempio quando fa particolarmente caldo, è una pratica rischiosa.

Questo perché si ritiene che un finestrino aperto possa incoraggiare il furto dell’automobile e creare rischi per la circolazione legati ad un veicolo rubato. Oltretutto, a seconda dei casi l’assicurazione contro il furto, ove la macchina fosse coperta, potrebbe considerare un comportamento negligente quello di lasciare il finestrino aperto. Questo comporterebbe che ove la macchina ci fosse sottratta l’assicurazione potrebbe negare il risarcimento. Il classico caso è quello del furto di un’auto che ha le chiavi inserite.  Questo è considerato pacificamente un comportamento negligente del proprietario della vettura, che esclude l’obbligo dell’assicurazione di pagare il risarcimento.

Pochi sanno che questo comportamento molto banale alla guida può costare all’automobilista fino a 173 euro di multa

Sempre con riguardo all’automobile ferma, è interessante l’articolo 157 comma 7 del Codice della Strada. Questo prevede che è vietato a chiunque aprire le porte di un veicolo, scendere da questo, o lasciare le porte aperte. Questo quando tale comportamento possa costituire un pericolo per gli altri utenti della strada. La Corte di Cassazione, con la sentenza 1280 del 2019, ha più volte ritenuto che nella circolazione stradale sia compresa anche la sosta del veicolo. Detto ancora meglio, anche se il veicolo è fermo, a seconda dei casi, può essere considerato in circolazione. Famoso è il caso delle sanzioni ad un soggetto per guida in stato di ebbrezza trovato dagli agenti in macchina con il motore acceso ma in sosta.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te