Pochi sanno che per realizzare la piscina in giardino spesso occorrono permesso e autorizzazione

Dipende dalla piscina. Dalla grandezza, la volumetria, il materiale di realizzazione. Interrata, su superficie, gonfiabile. Più o meno mobile. La casistica è complessa. È necessario, però informarsi. In quanto potremmo incorrere in alcuni obblighi, puntualmente evasi.

Criterio generale

Pochi sanno che per realizzare la piscina in giardino spesso occorrono permessi e autorizzazione. Uno su tutti, il permesso di costruire quando il volume da realizzare è superiore al 20% di quello dell’abitazione di riferimento. È necessario anche quando i criteri urbanistici comunali considerano la realizzazione come “intervento di nuova costruzione”. Se, invece, il volume è inferiore al 20%, si può presentare una DIA (Denuncia inizio attività).

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Spirulina FIT, il nuovo integratore che fa perdere peso in pochi giorni

SCOPRI IL PREZZO

Spirulina

Le fonti normative

Le disposizioni in Italia secondo alcuni sono molteplici e considerate poco chiare. Non a caso, a volte, tra Comuni confinanti, ci sono differenze. L’autorizzazione edilizia è attualmente poco utilizzata. Però alcuni Comuni che non hanno gli uffici aggiornati potrebbero richiederla. È per questo sempre bene chiedere e informarsi prima di stendersi al sole.

Se la piscina è fuori terra

Il Testo Unico dell’Edilizia precisa che “il permesso di costruire è necessario per tutti gli interventi di nuova costruzione che comportano una trasformazione edilizia e urbanistica del territorio”. Quindi sono considerate anche le strutture fuori terra, laddove prevedono trasformazioni permanenti al suolo.

Opere minori

Altro dettaglio che va considerato è che le cosiddette opere minori (come piscine o gazebo) per la loro struttura e funzione possono essere utilizzate per un periodo illimitato.

È opportuna l’autorizzazione perché le stesse vengono considerate nella loro destinazione funzionale. E anche in base alle caratteristiche strutturali.

L’uso, per così dire, annunciato dal proprietario e che può presentare il prodotto come smontabile, non sempre viene valutato allo stesso modo dagli uffici tecnici comunali.

Poiché pochi sanno che per realizzare la piscina in giardino spesso occorrono permesso e autorizzazione, meglio correre ai ripari. Data la pluralità di riferimenti normativi, nel dubbio di poter incorrere in noiosi contenziosi, è sempre bene chiedere informazioni.

Consigliati per te