Pochi conoscono la differenza fra il vero Parmigiano Reggiano e le sue imitazioni 

Fino a qualche tempo fa, quando si andava al supermercato per acquistare del formaggio di qualità, ci si trovava di fronte alla scelta fra Grana Padano e Parmigiano Reggiano. Purtroppo oggi le cose rischiano di cambiare e pochi conoscono la differenza fra il vero Parmigiano Reggiano e le sue imitazioni.

La storia del Parmigiano

Sia il Grana come il Parmigiano sono formaggi le cui tradizioni affondano nei monasteri benedettini e cistercensi del Medioevo, circa mille anni or sono. Fu l’incontro fra il latte vaccino prodotto dai monaci e le saline più o meno vicine, a far nascere il famoso formaggio.

A quell’epoca si cercava di creare un prodotto che potesse durare nel tempo. Attraverso ingredienti semplici e lunghe stagionature, si pervenne a quello che oggi è il capostipite del Parmigiano e del Grana. La gente lo chiamava “grana”, per il suo caratteristico tessuto granuloso.

Le 5 caratteristiche

Il Parmigiano Reggiano ha 5 elementi precisi che lo differenziano dalle imitazioni.

Gode dell’appellativo europeo di formaggio di montagna. Per cui gli allevamenti si devono trovare in montagna e i foraggi destinati alle mucche devono avere anch’essi la stessa origine. I caseifici che lo producono e tutta la lavorazione deve essere fatta in montagna come la stagionatura.

Le vacche emiliane mangiano esclusivamente del foraggio locale e non altri prodotti come, ad esempio, il mais.

Il parmigiano non può assolutamente contenere conservanti.

Il caglio del parmigiano è d’origine esclusivamente animale e non può avere origine vegetale o batterica.

Il parmigiano è un formaggio grasso e permette così stagionature molto lunghe.

Pochi conoscono la differenza fra il vero Parmigiano Reggiano e le sue imitazioni

Nel Mondo sono tante le imitazioni prodotte in molti paesi, fra cui gli USA. Qui il Parmigiano assume il nome di Parmesan e si stima che ogni anno se ne producano circa 204 milioni di chili.

Naturalmente la qualità del Parmigiano Reggiano DOP è un’altra cosa e solo chi lo ha provato, può percepirne la bontà. Ora 3 sono le differenze evidenti per riconoscere il vero Parmigiano Reggiano.

All’esterno della forma ci devono essere i famosi puntini del marchio, impressi nel momento in cui nasce la forma.

Il colore del vero Parmigiano varia dal paglierino-oro al paglierino tenue.

In etichetta ci sono solo 3 ingredienti: latte, caglio e sale. Se ce ne sono altri, allora non è il vero Parmigiano Reggiano.

Leggiamo anche alcuni suggerimenti su come conservare il prezioso Parmigiano.

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo le abitudini alimentari ed eventuali intolleranze dei nostri lettori e per questo motivo si raccomanda di rivolgersi al proprio medico riguardo a cibi che potrebbero causare danni alla propria salute. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te