Ci sarà una crisi finanziaria nel 2018? Se hai la possibilità di investire 350.000€, scarica Prospettive sul Mercato Azionario, per capire quali fattori potrebbero guidare il mercato azionario nel 2018. Scopri di più >>

Piazza Affari e il miglior titolo della settimana: Banco BPM

Fonte MilanoFinanza

Banco Bpm  sta per mettere sul mercato un portafoglio Npl da 2 miliardi di euro e punta a cedere altri 3 miliardi di non performing loans nel 2018. Su quest’ultima operazione la banca vuole utilizzare la Gacs, la garanzia pubblica sulle sofferenze bancarie, e punta a realizzarla nella prima parte del prossimo anno. “Stiamo per mettere sul mercato un perimetro di 2 miliardi”, ha spiegato Edoardo Ginevra, responsabile Npl dell’istituto. Mentre “per l’anno prossimo abbiamo in programma una transazione da 3 miliardi, su cui speriamo di avere la Gacs”, ha poi rivelato.

In particolare, ha precisato l’ad dell’istituto, Giuseppe Castagna, a margine dell’Npl Meeting organizzato da Banca Ifis  a Venezia, si tratta di due portafogli diversi: uno composto da posizioni individuali, sopra il milione, e uno retail. “Abbiamo già 40-50 potenziali offerenti e speriamo di chiudere entro fine anno”, ha auspicato. Invece, il portafoglio da cedere nel 2018 dovrebbe essere da “3-3,2 miliardi, misti secured e unsecured, su cui è partita la due diligence interna”, che è stata affidata a Prelios .

Inoltre Banco Bpm  si attende entro fine mese quattro offerte vincolati sulla bancassicurazione. La prima scadenza prevista era quella del 12 settembre, ma è stata leggermente posticipata. Le offerte dovrebbero arrivare dalle compagnie italiane Generali  e Cattolica Assicurazioni , dalla tedesca Allianz  e dai francesi di Covea. Per la scelta, ha aggiunto Castagna, “non si dovrebbe andare oltre ottobre”, fermo restando che l’istituto abbia “trovato l’accordo” con gli attuali partner, Unipol  e Aviva.

Con la prima c’è un arbitrato in corso. L’obiettivo di Castagna è chiudere la partita in modo da “includere nel bilancio di fine anno”, che verrà comunicato a febbraio, le operazioni. Per la scelta del partner “c’è una parte economica, che sicuramente è importante, ma anche una industriale, perché per noi la bancassicurazione è strategica”.

Castagna ha però smentito le indiscrezioni delle settimane scorse secondo cui Cattolica Assicurazioni  e Covea stavano studiando anche un eventuale ingresso nell’azionariato della banca in parallelo alla definizione dell’eventuale partnership. “Non fa parte di nessuna richiesta per il deal e non è una cosa che al momento prevediamo”, ha chiarito l’ad del Banco Bpm.


Analisi di Proiezionidiborsa

Sul titolo è in corso una proiezione ribassista di lungo periodo che ha portato le quotazioni da area 12€ giù fino in area 1.6€, minimo raggiunto nel luglio 2016. Nell’ultimo anno il titolo ha raddoppiato il suo valore salendo fino in area 3.2€. Tuttavia tutto questo non è ancora servito a invertire la tendenza ribassista in corso. Solo chiusure settimanali superiori a 3.93€ sancirebbero un’inversione rialzista il cui I° obiettivo naturale al momento è stimato in area 7.6€.

Qualora non dovessimo assistere all’inversione rialzista gli obiettivi ribassisti sono quelli indicati in figura.

Piazza Affari e il miglior titolo della settimana: Banco BPM ultima modifica: 2017-09-16T08:04:32+00:00 da redazione
Le Fonti TV - Segui la diretta

Le Fonti TV

Scarica il report gratuito!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il report di 86 pagine con l'outlook per il 2018

La tua privacy è tutelata al 100% secondo il D.L. 196/2003.
In qualsiasi momento potrai cancellarti dalla lista.