Piazza Affari e il peggior titolo del 21 Dicembre: Bca MPS

Fonte La Stampa Finanza Online

Banca MPS (-12,08%) in netto calo: alle 14 odierne è scaduta l’offerta di nuove azioni e di conversione dei subordinati a favore del pubblico, mentre restano in piedi fino a domani alle 14 le offerte a favore degli istituzionali. Il titolo ha ceduto nel finale, restando però ben al di sopra dei minimi della mattinata, dopo che Reuters ha riportato due fonti vicine al dossier secondo cui il fondo sovrano del Qatar ha deciso di non partecipare all’aumento con un miliardo di euro: se la notizia fosse confermata l’operazione di mercato fallirebbe in quanto altri investitori istituzionali, in assenza di un anchor investor, si tirerebbero indietro. In precedenza il fondo Atlante aveva comunicato che investirà 1,5 miliardi di euro circa nei titoli junior mezzanine (derivanti da cartolarizzazione di npl) per un importo massimo di 1,526 miliardi solo a patto che l’aumento di capitale da 5 miliardi si completato prevalentemente tramite il mercato, con eventuale intervento pubblico limitato a 1 miliardo e senza altri interventi straordinari statali, senza write-down o burden sharing su azioni e strumenti di debito, e senza risoluzioni o interventi precoci. MPS ha inoltre comunicato che la liquidità disponibile per i prossimi 4 mesi è di 10,6 miliardi di euro, ma al quinto diventerà negativa.

Analisi di Proiezionidiborsa

Alla chiusura del 19 Dicembre scrivevamo

Dopo giorni di tentate rotture del livello spartiacque, oggi le quotazioni hanno rotto al ribasso il livello a 18.85. Questa rottura potrebbe, se non recuperata nei prossimi giorni, ridare vigore alla proiezione ribassista i cui obiettivi sono indicati in figura.

La seduta del 20 e quella del 21 Dicembre hanno confermato la rottura ribassista. L’unica speranza è che il supporto a 14.73 tenga come accaduto durante la seduta del 21 Dicembre.

bca-mps

 

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te