Piazza Affari chiude quasi piatta ma sull’economia UE si affaccia uno scenario da incubo

Nella penultima giornata della settimana i mercati riprendono fiato, ma i pericoli incombono. Il primo arriva dalla Banca Centrale Europea. La BCE nel prossimo incontro di dicembre prevede di rivedere al rialzo le stime dell’inflazione per quest’anno e al ribasso quelle per il PIL.

Oggi le Borse europee hanno guadagnato qualcosa, Piazza Affari chiude quasi piatta ma sull’economia UE si affaccia uno scenario da incubo. Secondo i verbali dell’ultima riunione del board della BCE, l’inflazione in crescita potrebbe frenare la ripresa economica. Il rischio, secondo la Banca Centrale, è di cadere in stagflazione. Una economia in stagflazione soffre di una crescita dei prezzi contro una crescita quasi piatta del PIL. Uno scenario terribile.

“HYCM”/
“HYCM”/

L’altro pericolo è rappresentato dall’aggravarsi della situazione pandemica in Europa. I contagi stanno salendo rapidamente in molti Paesi del Vecchio Continente e non solo in quello dell’Est Europa. L’aumento dei contagi impatterà negativamente sul business delle festività natalizie e questa non è una buona notizia per gli operatori.

Nonostante tutto le Borse oggi hanno chiuso in lieve rialzo. L’Euro Stoxx è salito dello 0,4%, riportandosi a un passo dai 4.300 punti. La Borsa tedesca ha guadagnato lo 0,2%, quella di Parigi quasi mezzo punto percentuale, Londra è salita dello 0,3%.

Piazza Affari chiude quasi piatta ma sull’economia UE si affaccia uno scenario da incubo

Piazza Affari oggi segna un’eccezione. Il nostro listino ha perduto lo 0,04%. L’indice Ftse Mib (INDEX:FTSEMIB) ha chiuso però sopra i 27.000 punti, a 27.098 punti. Eppure la Borsa era partita bene. In avvio di seduta i prezzi avevano raggiunto un massimo a 27.300 punti. Poi le quotazioni hanno iniziato a declinare. Il calo dei prezzi è andato di pari passo con quello di Telecom Italia.

Il titolo in avvio di contrattazioni è arrivato a 50,9 centesimi di euro, sopra la soglia d’offerta da parte del fondo USA KKR. I prezzi raggiunta questa soglia hanno girato al ribasso e sono scesi nel resto della giornata. Alla fine delle contrattazioni Telecom ha chiuso in calo del 2,6% a 48,4 centesimi di euro. Adesso le azioni potranno continuare a salire solamente in presenza di notizie positive sull’esito dell’offerta. La guerra che si può scatenare attorno al controllo di Telecom ecco dove spingerà i prezzi.

Telecom ha raccolto l’attenzione degli investitori negli ultimi giorni ma altri titoli hanno messo a segno rialzi degni di nota. Oggi per esempio Emak e Gas Plus hanno guadagnato oltre il 10%. Il primo titolo ha goduto del giudizio positivo di una importante banca d’affari che valuta il valore corretto ad azione a 3 euro. Oggi l’azione ha chiuso a 2,24 euro. Gas Plus è salita grazie al completamento della prima fase di un importante progetto industriale.

Approfondimento

Il punto sui mercati

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te