A Piazza Affari i bancari in fibrillazione

A Piazza Affari vola Mediobanca e si porta a 8,79 +8,92%. Intesa San Paolo invece, perde il 4,59% a 2,288 ed Unicredit sale del 3,37% a 27,03.

Cosa sta succedendo?

A spingere Mediobanca come riporta il sito Investing.com:“sono i rumor che indicano Unicredit come la contromossa di Intesa nella partita che si sta giocando in Generali. Unicredit, infatti, possiede una quota in Mediobanca equivalente all’8% e la compagnia assicurativa potrebbe acquisire tale pacchetto per raggiungere il 13% ed essere il primo socio.

L’ipotesi viene rilanciata da Equita, secondo la quale tramite questa mossa Intesa “potrebbe coagulare una minoranza di blocco in chiave antiscalata”. Secondo Akros, “un ruolo chiave potrebbe essere giocato da Unicredit”, in quanto “potrebbe essere obbligata a vendere la quota in Mediobanca favorendo il consolidamento del controllo italiano su Generali, anche in considerazione del fatto che la base azionaria di Unicredit è vulnerabile a causa della ricapitalizzazione”.

Si segnala che la struttura tecnica di Intesa San Paolo, lascia presupporre ulteriori ribassi verso i 2,20,  e in caso di mancata tenuta verso area 1,90.

Per Unicredit, il Trend mensile è il seguente:

Trend rialzista. Possibili ritracciamenti  fino all’area 27,6/27,2. Il trend diventa ribassista  solo con chiusure daily inferiori ai 26,5. Long sopra 27,6. Short sotto 26,5.

Mediobanca, invece trova forte resistenza verso 9 euro e supporto a 8,25 ca.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te