Guadagnare in Borsa non è un'impresa! - Scopri di più

Petrolio: si prepara la trappola per tori

Il Petrolio ha chiuso la seduta del 16 novembre a $65,46 invariato rispetto alla seduta precedente. Rimane, quindi, sempre in prossimità dell’obiettivo di prezzo a $45 indicato dalle nostre analisi da oltre un mese proprio quando le quotazioni erano sui massimi di 4 anni a questa parte in area $70.

Delle ragioni di questo crollo abbiamo già parlato in un articolo precedente (Petrolio: dove si arresterà il crollo?, leggi tutto). Oggi vogliamo occuparci delle motivazioni che hanno spinto al rialzo le quotazioni negli ultimi giorni e le attese per la prossima settimana.

Le ragioni del rimbalzo e le attese per la prossima settimana (investing.com)

I prezzi del petrolio greggio salgono sulle speranze che l’Opec acconsenta al taglio all’offerta durante la riunione del 6 dicembre prossimo, ma le quotazioni non sono riuscite ancora a recuperare i cali delle ultime sedute.

Alcuni analisti si aspettano un rally dei prezzi per le sanzioni americane sul petrolio iraniano e per la diminuzione della produzione venezuelana, oltre che per l’incertezza sulla produzione libica. D’altra parte l’Arabia Saudita, leader di fatto dell’Opec, vorrebbe tagliare la produzione di circa 1,4 milioni di barili al giorno, circa l’1,5% della produzione globale.

Se tutte queste notizie vanno nella direzione di far lievitare i prezzi, c’è da registrazione un dato che va nella direzione opposta.

La produzione di greggio americana secondo l’autorità competente ha raggiunto un nuovo massimo la settimana scorsa, toccando quota 11,7 milioni di barili al giorno.

Analisi tecnica di Proiezionidiborsa sul petrolio

Con la seduta del 16 novembre le quotazioni hanno cercato di rompere al rialzo la forte resistenza fornita dal II° obiettivo di prezzo in area $57,5. Questa incapacità di riprendere la strada del rialzo non depone bene per chi punto sul rialzo del petrolio. Tutto, quindi, procede come proiezione che prevede un approdo delle quotazioni in area $47,7 (III° obiettivo di prezzo e limite invalicabile).

Solo al raggiungimento di questo livello si possono valutare ingressi long. Area $45, infatti, rappresenta anche il punto di approdo della proiezione ribassista in vigore nel medio periodo (Petrolio presto a $60 e a seguire $45?, leggi tutto).

petrolio opec arabia saudita

Petrolio: proiezione ribassista in corso sul time frame giornaliero.

Petrolio: si prepara la trappola per tori ultima modifica: 2018-11-18T09:19:52+00:00 da redazione
Opera sui Mercati con XM
Opera sui Mercati con XM
Sicurezza e affidabilità per il tuo trading professionale con FXDD
Sicurezza e affidabilità per il tuo trading professionale con FXDD

Le Fonti TV

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.