Petrolio. Niente attacco all’Iran, il prezzo crolla

Prezzo del petrolio nuovamente in crollo e, come spesso capita nell’ambiguo e cinico  mondo dei mercati, per una buona notizia…

Vale a dire che gli USA intendono aumentare le sanzioni contro l’Iran.

Ma allo stesso tempo hanno rinunciato ad attacchi militari.

E il prezzo del petrolio che sulla guerra faceva conto è precipitato!

Questa dunque la scelta pacifista di Donald Trump in risposta agli attacchi – attribuiti a Teheran – che hanno provvisoriamente interrotto quasi la metà della produzione dell’Arabia Saudita.

Insomma Trump magari minaccia più di molti suoi predecessori ma poi al dunque non sgancia bombe e risulta più pacifico di altri…

Arabia Saudita colpita al cuore del sistema produttivo

Intanto il regime Saudita sta provando a dimostrare l’effettiva responsabilità dell’Iran  coni resti di droni e missili a loro parere  certamente riconducibili  alla Repubblica Islamica.

L’aumento delle sanzioni all’Iran

Il presidente degli Stati Uniti  come al solito via Twitter  ha scritto di “ incrementare sostanzialmente le sanzioni all’Iran”.

Una decisione, alternativa ad attacchi militari, quasi scontata dopo l’attentato alla più grande raffineria dell’Arabia saudita.

Attacco rivendicato dal gruppo di ribelli yemeniti Houthi.

Un attacco che aveva attivatoil più rilevante rialzo del prezzo del petrolio degli ultimi decenni e contemporaneamente ha riacceso  nuovamente le tensioni in Medio Oriente.

L’Iran dal suo canto nega con decisione una qualsiasi forma di coinvolgimento. E ti pareva…

Però i sauditi insistono: un portavoce del Ministero della Difesa dell’Arabia Saudita ha detto che: “25 fra droni e missili sono stati lanciati dall’Iran, e non dallo Yemen.

“Gli attacchi sono partiti da Nord e senza dubbio finanziati dall’Iran”, ha ribadito il funzionario  aggiungendo anche  che in aggiunta ai missili sono stati utilizzati gli UAV (veicoli senza pilota) Iranian Delta Wing.

Anche sui mercati si è sentito il colpo tanto che l’ingresso in Borsa di Saudi Aramco, colosso petrolifero del regime saudita, è stato rinviato a data da destinarsi.

No attacco militare all’Iran, il prezzo  crolla

Le quotazioni del crude statunitense hanno ripreso a scendere velocemente dopo l’annuncio delle nuove sanzioni.

Ma i mercati puntavano alla guerra…

InizialmenteTrump aveva in effetti minacciato l’intervento militare dando ulteriore linfa la rialzo del prezzo del greggio.

Il presidente iraniano Hassan Rouhani, ha comunque contrattaccato: “Noi non vogliamo conflitti nella regione… Chi ha iniziato il conflitto?”, ha chiesto in maniera sibillina, attribuendo la colpa a Washington e ai suoi alleati nel Golfo per la guerra in Yemen.

L’Arabia ha anche confermato che entro fine mese sarà in grado di ristabilire la normale produzione quotidiana di 5,7 milioni di barili.

Insomma stando e rimanendo così le cose è lecito attendersi un prezzo del petrolio nuovamente nel suo range precedente.

Approfondimento

Scheda tecnica ed articoli precedenti sul petrolio

Trova il tuo broker

Tickmill
Fisher Investments
Ava Trade

Consigliati per te

Ricevi un e-book in omaggio!

Basta inserire la tua mail per scaricare subito il nostro e-book
QUESTA È LA VITA DA TRADER!

Acconsento al trattamento dei miei dati personali secondo il GDPR 2016/679 UE per le comunicazioni da parte di Proiezionidiborsa S.r.l. in relazione alle iniziative proprie e/o di società controllate e/o collegate. Dichiaro, inoltre, di aver preso visione della Privacy Policy.