Petrolio: continua la fase di stallo. Le attese per la settimana del 17 Luglio

Settimana scorsa scrivevamo, guardando al time frame settimanale, (Il petrolio non riesce proprio a riprendersi. La strada al ribasso è da paura!)

La settimana del petrolio si è dispiegata secondo le previsioni. Dopo un avvio al rialzo che ha portato le quotazioni fino in area $47, è iniziato un violento ritracciamento che ha portato la chiusura settimanale al di sotto dell’importantissimo supporto in area $44.49.

Con il TC2plus sempre saldamente ribassista, le attese sono sempre per una settimana tutta al ribasso. La prudenza, però, non è mai troppa e gli investitori devono monitorare con attenzione il livello in area $44.49.

Mai invito alla prudenza fu più opportuno. Dopo una partenza al ribasso, infatti, le quotazioni sono ripartite recuperando l’importantissimo livello in area $44.49. Questa prova di forza, però, non cambia le carte in tavola. Il TC2plus, infatti, è saldamente ribassista e i massimi sono stati inferiori a quelli della settimana precedente. Inoltre area $47 (la base del trading range protrattosi per oltre un anno) non è stata ancora violata e questo è un punto di forza per i ribassisti.

Per cercare di capire con maggiore precisione andiamo (dopo la figura) ad analizzare il time frame giornaliero.

blank

 

Sul time frame giornaliero la tendenza è chiaramente rialzista, ma stenta a decollare trovando un fortissimo ostacolo in area $46.9.

E’ chiaro, quindi, che settimana prossima il livello da monitorare si trova in area $46.9-$47. La sua rottura al rialzo favorirebbe il raggiungimento almeno di area $50. In caso contrario prenderebbe il sopravvento la proiezione ribassista settimanale.

blank

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te