Perché viaggiare in camper durante la pandemia è la scelta più furba

La pandemia da Covid 19 ha stravolto completamente le nostre vite.
Dal punto di vista turistico, siamo passati da un’era in cui ormai era facile acquistare un biglietto aereo ad una situazione claustrofobica in cui si esce di casa quasi solo ed esclusivamente per motivazioni di comprovata necessità.
Dopo un anno in questa situazione e con l’arrivo della bella stagione, la situazione sta diventando davvero molto pesante.
Il futuro (anche prossimo) è purtroppo altamente incerto, e fare programmi e addirittura prenotazioni è impensabile. Ma una soluzione esiste.

L’opportunità che camper e caravan offrono

Anche chi non è mai stato camperista, dovrebbe prendere in considerazione una vacanza itinerante con la casa sempre appresso, perché viaggiare in camper durante la pandemia è la scelta più furba.
Avere un camper significa muoversi con la casa, ovvero non dover prenotare appartamenti o hotel.

Ma non solo, con un camper si è liberi di andare dove e quando ci pare, senza fare troppi programmi anzitempo.
Terranno chiuse le regioni? Bene, esploreremo in maniera approfondita il nostro territorio. Le apriranno? Andremo allora alla scoperta di qualche meraviglioso borgo. Meglio ancora: via, liberi tutti? Sconfiniamo e avventuriamoci in giro per l’Europa.  E tutto ciò così, senza troppi programmi organizzati con largo anticipo e sulla base di quanto ci viene permesso tramite i DPCM che cambiano sempre più spesso. Il camper dà infatti la possibilità di partire, e decidere verso dove, all’ultimo minuto.

Il problema del distanziamento sociale

E se il posto prescelto fosse troppo affollato e non ci facesse sentire sicuri? Nessun problema. Pronti via verso un’altra meta. Tanto il letto per dormire è sempre insieme a noi. E non c’è bisogno né di disdettare un alloggio né tantomeno di prenotarne uno nuovo.

La sicurezza sanitaria

I motivi del perché viaggiare in camper durante la pandemia è la scelta più furba sono terminati? No, anzi, forse stiamo per parlare del vantaggio più importante in questo contesto socio-sanitario. Dal momento che sono fondamentali il distanziamento sociale e il fattore igiene/sanificazione, è bene ricordare che il camper dà la possibilità di dormire nel proprio letto, di cucinare con le proprie stoviglie e di utilizzare il proprio bagno. Nessun timore quindi per il rischio di contagi tramite superfici contaminate.

Consigliati per te