Perché versare dell’olio di oliva nella buccia del mandarino

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Grazie al riciclo, si può allenare la propria manualità e si aiuta l’ambiente.  Ora andremo a vedere un esempio pratico.

Quasi tutto l’anno è possibile trovare gli agrumi sui bancali dei supermercati e dei fruttivendoli. Il mandarino, assieme alle arance, sono molto richiesti dai consumatori. Contengono vitamina C e aiutano a contrastare i malanni di stagione.

La buccia di mandarino è un materiale organico, non dannoso per l’ambiente, perché si decompone facilmente e in poco tempo.

Esistono tanti modi per riciclare la buccia dei mandarini e non buttare proprio nulla di questo buonissimo agrume.

Uno di questi è la creazione di candele profumate.
Se si amano le candele profumate, realizzarle con le bucce, permette di avere un odore molto piacevole in casa.
Con questo metodo, si utilizza tutto il frutto, mangiando la polpa senza gettare via la buccia.
Si tratta di piccole candele, che non servono per illuminare ma aiutano a decorare la casa, creando oltre al profumo, un atmosfera festosa e particolare.

Ecco perché versare dell’olio di oliva nella  buccia di mandarino

Per realizzare le candele con la buccia del mandarino (vanno bene anche arance e pompelmi) non è difficile, occorre solo un po’ di precisione.
Bisogna procurarsi un mandarino ben sodo, un coltello affilato e dell’olio di oliva o anche di semi di mais o di soia.
Prendere il mandarino, incidere con il coltello la circonferenza senza intaccare la polpa.
Inserire le dita nella fessura che si è  creata e togliere la polpa dalla buccia delicatamente senza rompere la metà di frutto in cui si trova il picciolo. Per portare a compimento questa operazione ci si può avvalere dell’aiuto di un cucchiaio.

Versare dell’olio di oliva all’interno della buccia, fino a raggiungere la sua metà o anche meno. Importante è bagnare di olio il picciolo che fingerà da stoppino. L’altra metà del mandarino può essere utilizzata come coperchio della candela, effettuando un buco al centro.
Dando libero sfogo alla fantasia, è possibile decorare o intagliare il coperchio. Quando la si accenderà, si vedrà la candela bruciare per alcune ore, emanando un buon profumo.

Quindi, perché versare dell’olio di oliva nella buccia del mandarino?  Perché è possibile realizzare, come abbiamo visto, delle candele  in pochi minuti e questa  può essere un’idea originale per addobbare le tavole nelle feste natalizie.

Vi invitiamo a prestare attenzione a dove vengono posizionate questa candele.

Non metterle vicino a oggetti infiammabili e assicurarsi che non sia inclinata, in quanto l’olio potrebbe uscire dall’involucro e prendere fuoco la buccia stessa. È bene posizionarle in luoghi dove è possibile tenerle sempre sott’occhio.

Le video guide di PdB - Iscriviti al nostro canale per seguire i nostri eventi e format

Consigliati per te