Perché si dovrebbe smettere di fare multitasking salvando il cervello da danni a lungo termine

C’è da fare subito chiarezza su una cosa importante: i multitasker non sono più produttivi di chi invece si focalizza su un obiettivo alla volta. È la scienza a dirlo: diversi studi, tra cui uno dell’Università di Londra, hanno calcolato che chi fa più cose contemporaneamente può vedere il suo quoziente intellettivo scendere anche di 15 punti.

L’università del Sussex ha condotto una ricerca sottoponendo a risonanza magnetica un gruppo di 75 persone abituate a ragionare e ad agire in multitasking. Non a caso questi soggetti si definivano già ansiosi e stressati. I dati venuti fuori non sono confortanti: l’area del cervello che elabora le emozioni, la corteccia anteriore, era più spessa del normale.

OFFERTA SPECIALE - SOLO OGGI
Oil Free Fryer, la vera friggitrice ad aria

Scopri il prezzo lancio

Friggitrice Fryer

Perché si dovrebbe smettere di fare multitasking salvando il cervello da danni a lungo termine

La società moderna ha abituato tutti al multitasking. L’uso – che a volte diventa abuso – dello smartphone, ha reso qualsiasi ambiente pieno di informazioni e stimoli. Anche andare al bagno, o lavare i piatti, non è mai solo e semplicemente quest’attività. Ci si porta dietro comunque il telefono cellulare e magari si controllano le mail, o si guarda qualche video, o si risponde ai messaggi.

Ma gli psichiatri e gli psicoterapeuti invitano a fare un respiro e un passo indietro per evitare che il cervello subisca danni non solo psichici, ma fisici.

Le donne con figli sono un esempio lampante di come il multitasking può creare diversi problemi. Dovendosi dividere tra casa, lavoro e famiglia, fanno spesso registrare dei comportamenti tipici di difetti della memoria.
Dimenticano cosa stanno dicendo, perdono il filo del discorso, e capita loro con molta frequenza di andare in una stanza e dimenticarsi del perché. Questi sono tutti segnali d’emergenza che il cervello manda.

SOS stress

Succede perché il multitasking non è lo standard, a differenza di ciò a cui siamo abituati, ma una sorta di ‘modalità d’emergenza’, concordano gli esperti. Il cervello umano non è fatto per lavorare a più cose contemporaneamente per lunghi periodi: il cortisolo, prodotto in alte quantità quando si è sotto stress, a lungo termine fa più danni che benefici.
Ecco perché si dovrebbe smettere di fare multitasking, salvando il cervello da danni a lungo termine.

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili qui»)

Consigliati per te