Per Vetrya si avvicina sempre più il momento della verità sia in Borsa che fuori

Per Vetrya si avvicina sempre più il momento della verità sia in Borsa che fuori. Sul mercato azionario, infatti, si stanno avvicinando sempre più livelli chiave che dovrebbero fermare l’emorragia dei prezzi. Fuori dalla Borsa, invece, le vicende relative alle difficoltà economiche-finanziarie si avviano verso il definitivo chiarimento.

Come scrivevamo nel report precedente (Per il peggior titolo della settimana appena conclusasi il ribasso potrebbe essere ancora molto lungo) i pessimi numeri della semestrale relativa ai primi sei mesi del 2021  hanno costretto l’azienda a ricorrere alla procedura concorsuale per garantire la continuità aziendale. Inoltre,  sarà necessario nuovo piano industriale visto che quello approvato a inizio anno non sarà più realizzabile.

A causa di questa situazione la società ha confermato che

la prosecuzione delle verifiche in merito alla possibilità di individuare soluzioni di composizione della situazione di tensione economico-finanziaria, anche eventualmente con intervento di soggetti terzi che possano supportare la continuità indiretta dell’impresa.

Rimane, poi, sempre in piedi il filone extra-borsistico. L’azienda, infatti, è finita nel mirino della Procura di Milano nell’ambito del filone d’inchiesta relativo agli addebiti occulti a carico dei clienti di WindTre.  La Procura ha disposto il sequestro di 109.254 euro per Vetrya. Inoltre Luca Tomassini sarebbe indagato per l’ipotesi di frode informatica, insieme agli ex direttori amministrativo Alessandro Prili e operativo Simone Polverini.

Per Vetrya si avvicina sempre più il momento della verità sia in Borsa che fuori: le indicazioni dell’analisi grafica

Vetrya (MIL:VTY) ha chiuso la seduta dell’15 ottobre a quota 0,538 euro in rialzo del 3,46% rispetto alla seduta precedente.

Time frame settimanale

La proiezione in corso sul titolo rimane, ovviamente, ribassista e non poteva essere altrimenti. Con la rottura dell’ultimo supporto in area 1,15 euro, infatti, adesso non ci sono più ostacoli lungo il percorso che porta al I obiettivo di prezzo in area 0,2 euro. Lo spazio al ribasso, quindi, è ancora molto e nelle prossime sedute potremo vederne delle belle.

Solo una chiusura settimanale superiore a 1,15 euro potrebbe dare qualche speranza ai rialzisti.

vetrya

(Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo, consultabili QUI»)

Consigliati per te