Per tonificare i muscoli senza sforzo ecco l’attività che potrebbe aiutarci, la fanno tutti ma molti sbagliano

Non c’è gesto più semplice e naturale del camminare. Eppure, anche per farlo nella maniera giusta è richiesta una certa consapevolezza. C’è chi cammina in maniera sana, e lo fa naturalmente, e chi invece, per vari motivi, che sono magari di natura abitudinaria, finisce per procurarsi problemi posturali anche gravi.

È davvero facile fare danni e perdere l’occasione di svolgere, invece, un’attività che è ricca di benefici. Il fitwalking non è solo una moda: ormai è risaputo che si tratti di un’attività motoria efficace e proficua per tantissime cose. Per quanto possa sembrare assurdo, però, bisogna capire come farlo al meglio.

Anzitutto, una cosa importantissima: è bene analizzare il proprio modo di camminare. Il primo passo per migliorare è acquisire una maggiore consapevolezza. Allora diventa necessario far caso ai movimenti che si compiono quando si cammina. Il piede incede dritto o a banana? Si poggia prima il tallone o prima la pianta? Le braccia accompagnano il movimento? Sembrano tutti piccoli dettagli, ma in realtà sono fondamentali per capire.

Per tonificare i muscoli senza sforzo ecco l’attività che potrebbe aiutarci, la fanno tutti ma molti sbagliano

Tecnicamente, il modo giusto è far eseguire al piede una sorta di “rullata”: si parte dal tallone. Dopo di che, il movimento si sposta su tutta la pianta del piede, alle dita e infine termina con l’alluce, che ha anche una funzione di “ammortizzatore” e di slancio del movimento.

L’ideale sarebbe tenere rilassata la muscolatura del torso, specie delle spalle, tenendo lo sguardo in avanti.

Guardare in basso fa stare curvi e peggiora quindi la postura. La posizione eretta dev’essere tonica, non tesa. Elastica, non rigida. Il baricentro, stando fermi, cade tra i piedi. Questo serve ad evitare l’andatura dondolante che provoca problemi alla colonna vertebrale e ai muscoli della schiena.

Il movimento del passo dev’essere coordinato con quello delle braccia, armonicamente in equilibrio. Fondamentale ricordare che il piede è a tutti gli effetti un organo posturale e vascolare. Da solo è responsabile di tutti i movimenti compiuti dal corpo per camminare. Si tratta di 24 movimenti al cui centro c’è proprio il piede. Il cervello viene costantemente “informato” sull’andatura dalle terminazioni nervose del piede che, proprio come fa la mano con il tatto, comunica tutte le sensazioni raccolte. La quantità di queste che il piede invia al cervello è enorme e serve per sviluppare una risposta involontaria nei movimenti della camminata.

Si comprende bene, perciò, come da una camminata “fatta bene” dipendano tantissimi equilibri del corpo che concorrono al suo benessere generale. Infatti, anche per tonificare i muscoli senza sforzo, ecco l’attività che potrebbe aiutarci, la fanno tutti ma molti sbagliano.

Ricordiamo di leggere attentamente le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore, consultabili QUI»)

Consigliati per te