Per smacchiare i capi bianchi ingialliti e stinti non la candeggina ma questi ingredienti naturali che usavano le nostre nonne 

Non tutti amano fare le pulizie per ore, soprattutto se c’è da fare anche il bucato, un’azione che richiede molta attenzione perché è facile combinare qualche disastro. Non si tratta di riempire semplicemente di capi sporchi e puzzolenti la lavatrice, ma è necessario fare una distinzione e dividere per colori.

Dovremo valutare le temperature e il programma da utilizzare per non commettere errori imperdonabili. In più, il nostro bucato dovrà essere profumato, morbido e senza l’ombra di una macchia. Per fare ciò a volte è importante anche pretrattare certi aloni, per facilitare il lavaggio e renderlo candido, come nuovo. La vera difficoltà, tuttavia, spesso consiste nel lavaggio dei capi bianchi, che sono più delicati e tendono a perdere quel candore iniziale.

Per smacchiare i capi bianchi ingialliti e stinti non la candeggina ma questi ingredienti naturali che usavano le nostre nonne

Le nostre nonne non avevano la possibilità di usare sempre la lavatrice. L’unico modo per rimuovere lo sporco era l’olio di gomito e una bacinella d’acqua pulita. Nonostante ciò, riuscivano a smacchiare senza problemi qualsiasi tipo di macchia senza ricorrere a soluzioni chimiche o a lavaggi in lavatrice specifici.

Oggi quella che sembrerebbe essere l’unica soluzione ai nostri occhi è la candeggina, una sostanza che va usata con parsimonia, perché è un prodotto chimico che può anche rovinare le nostre mani e non solo. Non tutti sanno usarla al meglio, anche se possiamo utilizzarla direttamente in lavatrice, vanno dosate le quantità e non sempre i risultati sono sorprendenti.

Per smacchiare i capi bianchi ingialliti e stinti potremmo invece optare per altri elementi più green, che potrebbero rendere il bucato nuovamente brillante.

Un forte potere sbiancante lo possiede l’aceto bianco, inoltre neutralizza la puzza e i batteri. Aggiungiamo per ogni litro d’acqua circa 150 ml di aceto e lasciamo a mollo gli indumenti che vogliamo sbiancare per circa un’ora. Se gli aloni sono particolarmente gialli, aggiungiamo del sapone per piatti biologico e poi sciacquiamo con abbondante acqua.

La soluzione è nel frigorifero

Per le nostre tovaglie, tende e lenzuola proviamo il rimedio naturale del latte freddo. Un ingrediente sfruttato dalle nostre nonne e bisnonne per far ritornare il bucato bianco, brillante e morbido. Prima di effettuare un lavaggio in lavatrice, riempiamo una bacinella con del latte preso dal frigorifero e lasciamo agire per circa mezz’ora. Se le macchie persistono, con un panno imbevuto di succo di limone, sfreghiamo sulla zona da trattare.

Se invece si tratta di una macchia di vino che minaccia il candore di una maglia, agiamo subito con dell’acqua frizzante e strofiniamo con cura, prima di fare un classico lavaggio.

Approfondimento

Mai più tende, lenzuola e federe ingiallite e ingrigite dal tempo o sudore con questi 4 metodi per sbiancarle senza acqua ossigenata

(Le informazioni presenti in questo articolo hanno esclusivamente scopo divulgativo. Non conosciamo i comportamenti dei nostri lettori nei confronti di utensili presenti in casa o in giardino. Per questo motivo si raccomanda di utilizzare la massima cautela ed attenzione con attrezzi per la casa e il giardino per evitare di creare spiacevoli incidenti. In ogni caso è fortemente consigliato leggere le avvertenze riguardo al presente articolo e alle responsabilità dell'autore consultabili QUI»)

Consigliati per te